Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Arrestato il presunto assassino di Lidia Macchi dopo 29 anni dal delitto

Lidia Macchi

Lidia Macchi

CITTIGLIO, 15 gennaio 2016- Un uomo è stato arrestato venerdi per l’omicidio di Lidia Macchi, una studentessa ventenne pugnalata a morte in un bosco a Cittiglio, in provincia di Varese, 29 anni fa. Il caso è tra i piu famosi tra quelli irrisolti in Italia.

Il 47enne, che era amico della giovane e frequentava lo stesso Liceo,  è stato identificato come l’autore di una lettera anonima scritta a mano, con riferimenti che solo l’assassino poteva conoscere, inviata ai genitori della ragazza poco dopo il delitto. A tradirlo la grafia, riconosciuta da un’amica dell’arrestato.

Per anni le indagini sono andate avanti con il fermo di sospetti, fra cui un sacerdote, che poi venivano scagionati. Lidia Macchi, studentessa alla Statale di Milano e attiva in Comunione e Liberazione, fu sequestrata, violentata e uccisa in un bosco una sera d’inverno mentre rientrava in auto a casa dall’ospedale dove era andata a trovare un’amica.

L’uomo, all’epoca dei fatti poco più che di 18enne, avrebbe dapprima costretto la ragazza ad un rapporto non consenziente e poi l’avrebbe uccisa con coltellate: alcuni fendenti alla schiena e ad una gamba mentre la ragazza tentava di scappare dall’auto.

L’autopsia accerterà poi che la morta non fu immediata ma probabilmente avvenuta ore dopo a causa di dissanguamento e sofferenze al gelo invernale. Il suo corpo fu trovato vicino all’auto in una zona boschiva poco distante dall’ospedale.

redazione@varese7press.it

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 15 gennaio 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

One Response to Arrestato il presunto assassino di Lidia Macchi dopo 29 anni dal delitto

  1. Pingback: Caso Lidia Macchi: proseguono le ricerche arma del delitto all’interno del parco Mantegazza. | Varese7Press

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.