Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tradate: recital contro tutte le Guerre, giovedì al teatro Paolo Grassi di Tradate

2016 Guerra Tradate 70X100TRADATE, 26 gennaio 2016– L’anno che si è concluso, il 2015, segna i 100 anni di guerra in cui l’Italia è stata coinvolta da quel lontano 1915 che apriva per noi la prima guerra mondiale.

Il primo giorno del 2016 si è aperto per noi cattolici con una esortazione di Papa Francesco a “Vincere l’indifferenza e conquistare la Pace” che accompagna il lancio del “Giubileo della Misericordia” avvenuto l’8 dicembre 2015.

Il  “Punto Pace di Pax Christi di Tradate” in collaborazione con la “Comunità pastorale del Santo Crocifisso” e le associazioni “La casa della città solidale” e “Macondo per il commercio equo e solidale”, hanno voluto organizzare il recital “Guerra chi ci guadagna? Cento anni di inutili violenze”, appuntamento che si terrà venerdì 29 gennaio al cineteatro Paolo Grassi di Tradate (inizio ore  21, ingresso 5 euro).

In questi 100 anni si sono succedute guerre sanguinose e terribili, segnate da orrende carneficine e stragi di civili, con milioni e milioni di morti e immani distruzioni: la prima guerra mondiale ne farà almeno 37 milioni, la seconda 71, la guerra del Vietnam ne fece 5, l’attuale “3^ guerra mondiale a pezzi”, come la definisce Papa Francesco con quanti morti terminerà? Sono già milioni, e milioni sono i profughi che fuggono dalle guerre in corso.

Questo è il vero lascito della guerra: lutti e distruzioni, la guerra non risolve problemi, i conflitti, ma li acuisce. Chi ci guadagna dalla guerra? Non certo la povera gente, non certo le persone comuni, non certo il popolo. Come dice Papa Francesco sono i Signori della guerra che ci guadagnano, i produttori di armi.

In questo mese, tra l’altro, ricorre il 25° anniversario dell’inizio della 1^ guerra del Golfo, con il bombardamento massiccio da parte degli USA e dei suoi alleati, Italia compresa, dell’Iraq. In quella guerra morirono oltre 1 milione di persone.

A quella guerra ne seguirono altre, che hanno visto anche la partecipazione italiana: la guerra contro la ex Jugoslavia, quella in Afghanistan, la 2^ guerra all’Irak, la più recente guerra in Libia e la guerra per procura in Siria per ricordarne solo alcune. Tra le conseguenze di queste guerre vi è anche il terrorismo che ora ci colpisce.

Ci si è avvitati in una spirale guerra-terrorismo-guerra da cui invece bisogna uscire. Per farlo dobbiamo, anche in rispetto dell’articolo 11 della nostra Costituzione che “Ripudia la guerra”, abolire la guerra stessa, come un tempo abolimmo la schiavitù.

Durante il Recital saranno riprodotti testi dei seguenti cantanti e musicisti:

John Lennon, Bob Dylan, Fabrizio de André, Ivano Fossati, Norman Whitfield, Barrett Strong, Boris Vian, John Fogerty, Mark Farner, Philip Gary Sloan, Mark Knopfler.

E recitati testi dei seguenti poeti e scrittori:

Giuseppe Ungaretti, Salvatore Quasimodo, Cesare Pavese, Piero Calamandrei, Carlo Emilio Gadda, Alfred Döblin, Andreas Latzko.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 26 Gennaio 2016. Filed under PROVINCIA,Sociale,Spettacoli&Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.