Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Frontaday” a Lavena Ponte Tresa: la platea contesta duramente Alfieri e altri politici presenti

Un altro scorcio del pubblico presente alla manifestazioneLAVENA PONTE TRESA, 30 gennaio 2016– Sono arrivati a Lavena Ponte Tresa in numero massiccio da tutte le province dell’Insubria, i lavoratori frontalieri per l’appuntamento organizzato su Facebook da Graziano Storari.

Presenti anche esponenti della Lega Sud Ticino. Il rappresentante della Lega Sud, Luciano Milan Danti, ha strappato applausi a scena aperta dopo un attacco contro la Lega dei Ticinesi e la Lega Nord, rei, secondo lui, di un gemellaggio anomalo che vede i leghisti italiani uniti contro chi “getta fango” contro i frontalieri.

L’ambiente si è subito scaldato con alcune contestazioni al segretario del PD Alessandro Alfieri, che rappresenta il partito al Governo che ha portato avanti gli accordi con la Svizzera. Alfieri ha ricordato che in fase politica c’è spazio per discutere alcuni termini dell’accordo e modificarli. Gli organizzatori hanno cercato di sedare gli animi, di rimettere sul tavolo quello che considerano il nemico comune, l’accordo siglato con la Confederazione sulla tassazione dei lavoratori italiani, ritenuto a più riprese “una truffa legalizzata portata avanti da Roma”.

Pare che i presenti, con le vibranti proteste, abbiano dato una scossa ai politici sul palco. Giovedì prossimo il negoziatore ministeriale dei patti tra Berna e Roma arriverà a Milano ed il prossimo 8 febbraio, notizia questa non fornita pubblicamente, alla Camera si discuterà una mozione proprio sul tema della super tassazione e della “sanità a pagamento” per chi lavora da questa parte della frontiera.(foto e articolo RSI.CH)

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 30 gennaio 2016. Filed under PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *