Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il giudice accoglie ricorso della Cub: no cooperative nell’handling Malpensa

image_pdfimage_print

MALPENSASOMMA LOMBARDO/MALPENSA, 4 febbraio 2016- Con decreto del 4 febbraio 2016 il tribunale di Busto, su ricorso della nostra organizzazione, ha condannato la spa AGS per condotta antisindacale riconoscendo violato dalla società che fornisce i servizi di handling a Ryanair l’accordo del 23 novembre scorso con il quale AGS si era impegnata a gestire direttamente l’appalto senza ricorre, come invece aveva preannunciato al subappaltarne una parte alla Cooperativa Alpina. Ags infatti subito dopo aver stipulato quell’accordo aveva preteso di aggirarlo utilizzando comunque e in misura rilevante (più del 50%) personale di Alpina in comando distacco.

Il tribunale ha rilevato come in tal modo la società avesse in malafede vanificato l’accordo e pertanto ha dato ordine ad AGS di “astenersi immediatamente da utilizzare nell’appalto Ryanair di Malpensa personale assunto da terzi ed in particolare di Alpina services e di organizzarsi per svolgere l’intera filiale dell’attività connessa a detto appalto con personale alle proprie dirette dipendenze”. * E questo un tassello importante nella nostra lotta contro lo sfruttamento del personale di cooperativa al cui raggiungimento sarebbe stato giusto che avessero partecipato tutte le altre O.S. che con noi avevano iniziato la battaglia che aveva portato alla’accordo del 23 novembre. Ora a tutti chiediamo un’azione comune anche nell’incontro che ci sarà domani avanti al Prefetto di Varese perché questa battaglia si estenda anche al settore cargo ove le cooperative continuano ad agire indisturbate mantenendo i lavoratori in condizioni peggiori rispetto a quelle delle aziende ordinarie.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 febbraio 2016. Filed under Economia,PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *