Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Internet e cyberbullismo: incontro con studenti dell’Isis Daverio di Varese organizzato dalla Polizia Postale

image_pdfimage_print
Sempre rischioso navigare in internet senza sicurezze

Sempre rischioso navigare in internet senza sicurezze

VARESE, 6 febbraio 2016 – Nell’ambito delle iniziative promosse in occasione del Safer Internet Day 2016, la Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Varese, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, ha organizzato un workshop sui temi della sicurezza su Internet e del cyberbullismo.

L’evento si svolgerà nella mattinata del 9 Febbraio presso l’ISIS Daverio-Casula di Varese (inizio ore 9.00) e vedrà la partecipazione di ragazzi e insegnanti provenienti da diverse ed eterogenee realtà scolastiche cittadine.

La giornata, che avrà come motto “Play your part for a better internet!”, ovvero “Fai la tua parte per un internet migliore!”, si pone come obiettivo quello di fare formazione, informazione e favorire lo scambio di esperienze e best practices fra i diversi soggetti istituzionali e privati interessati al tema dell’Internet Security.

In tal senso, risulta di fondamentale importanza sensibilizzare i giovani internauti a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre i rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all’adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé e per gli altri.

Il Safer Internet Day si colloca nel solco della più ampia iniziativa “Una vita da social” che, come ormai molti sanno, è un progetto itinerante sviluppato dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con il Miur e cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito delle iniziative di Generazioni Connesse, e che ha l’obiettivo di aiutare gli utenti della Rete a navigare in piena sicurezza e a gestire con consapevolezza e controllo i dati condivisi online.

L’iniziativa ha anche una sua pagina facebook unavitadasocial, nella quale vengono riportate tutte le attività e le impressioni dei giovani studenti.

Dal report emerge che il 92% dei genitori italiani si è detto preoccupato della sicurezza online dei propri figli, e tre su quattro hanno dichiarato di aver preso precauzioni per proteggerli.

Le misure più utilizzate dai genitori sono state le limitazioni all’accesso ad alcuni siti web (53%) e alle informazioni che postano su di loro sui propri social network (51%), insieme a quelle che i loro figli possono condividere con le loro cerchie di amici online (47%).

Inoltre, il 42% dei genitori italiani ha dichiarato episodi di cybercrime subiti dai figli, i più frequenti dei quali sono stati il download di un virus sul loro PC o su quello della famiglia (20%), risposte a email di phishing (9%), episodi di smishing (la variante SMS del phishing) e violazioni dei profili social (entrambe al terzo posto in classifica, con l’8% delle risposte).

In questo contesto, le maggiori preoccupazioni dei genitori riguardano per il 61% il timore che i propri figli possano dare troppe informazioni a sconosciuti, il 59% la paura che possano essere convinti con l’inganno a incontrare malintenzionati e il 53% che potrebbero subire atti di bullismo oppure molestie.

Attilio INGRASSIA, Questore di Varese, dichiara: “Bisogna prendere consapevolezza che ormai tutti siamo nella “rete”. C’è chi è più bravo a percorrere le strade virtuali e chi, per disattenzione o spericolatezza, rimane vittima di incidenti.

Attraverso la massiccia divulgazione di una “cultura digitale”, la Polizia di Stato cerca di prevenire questi incidenti.

Nell’ottica della protezione dei meno digitalizzati, si inquadra questa giornata in cui gli esperti informatici della Polizia di Stato mettono a fattor comune suggerimenti ed esperienze per un viaggio sempre più sicuro”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 febbraio 2016. Filed under Cronaca,Sociale,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *