Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

The Wizard of Oz di scena al Palketto Stage

image_pdfimage_print

wiBUSTO ARSIZIO, 10 febbraio 2016– La prima produzione che proponiamo per l’anno 2016 al nostro affezionato pubblico è tratta da un’opera letteraria apparentemente dedicata a un pubblico infantile, ma che in realtà nasconde significati profondi e riflette le problematiche socio-politiche dell’America degli Anni Trenta.

Si tratta di The Wizard of Oz, spettacolo che come i precedenti fa parte della rassegna BA Teatro Stagione Cittadina e si colloca all’interno del ricco Cartellone 2015-2016 di Spazioteatro intitolato TRA IL CUORE E LA MENTE.

Nello scegliere le opere del Cartellone, ci siamo domandati da quale di questi due pilastri che reggono il nostro essere, provenga la spinta più forte che porta i personaggi a compiere le loro scelte, ovvero quale sia l’aspetto che più li caratterizza … e questa è la nostra riflessione riguardo al musical in questione: “la semplicità e la dolcezza caratteristiche dei personaggi di questo musical emergono immediatamente, e inteneriscono il cuore… le capacità della mente però, non tardano ad affiorare: solo attivando anche questa parte di se stessi, infatti, i simpatici compagni di viaggio riusciranno nelle loro personali conquiste.”

Un tornado trasporta la piccola Dorothy e il suo cane Totò in un paese sconosciuto, la Terra Blu dei Munchkins. Spaesata, per tornare a casa ha bisogno dell’aiuto del potente Mago di Oz, l’unico in grado di aiutarla: la ragazza si mette così in cammino verso la Città di Smeraldo, dove risiede il Mago.  Il viaggio che intraprende è un vero percorso di crescita personale: solo alla fine di esso, dopo aver incontrato simpatici compagni di viaggio e affrontato con loro numerose prove, la giovane protagonista si renderà conto che la “chiave” per realizzare il proprio sogno è sempre stata in suo possesso.

Nell’allestimento curato dal regista Edward Johnson (Peter Pan), Dorothy e gli altri personaggi mantengono le caratteristiche con cui sono universalmente conosciuti, anche grazie alla versatile interpretazione dei giovani performer madrelingua.

Mantenendo la promessa fatta al proprio pubblico, anche questa volta Palkettostage propone uno spettacolo che affonda le radici nella letteratura, ma spazia a 360 gradi nell’intrattenimento: brillanti coreografie eseguite da tutto il cast si alternano a interpretazioni canore di brani famosi e inediti, sempre rigorosamente live.

Una scenografia multifunzionale su pedana rotante, progettata per convertirsi di volta in volta in un ambiente diverso, ben differenzia la prateria in cui sorge la casa degli zii di Dorothy dal mondo magico, quasi disneyano, in cui si svolgono le scene centrali.

Questo spettacolo in lingua originale prodotto da Palkettostage, sotto la Direzione Artistica di Cetti Fava, è sottotitolato in italiano attraverso un display posto alla base del palcoscenico.

Le scenografie sono realizzate nel Laboratorio di Spazioteatro a cura di Alberto Caprioli.

Al termine di ogni spettacolo il pubblico potrà come d’abitudine intrattenersi con gli artisti condividendo con loro un buffet offerto dalla produzione.

SCHEDA DELLO SPETTACOLO

Sabato 13 e domenica 14 febbraio 2016 – ore 21

Domenica 14 febbraio 2016 – ore 16 presso SPAZIOTEATRO – via Galvani, 2 bis – Busto Arsizio

The Wizard of Oz libero adattamento dall’opera di L. Frank Baum

Musical in lingua inglese con sottotitoli in italiano

Produzione Palkettostage

Durata: 1 ora e 10 minuti circa senza intervallo

Posto unico € 16,00 – ridotto € 14,00/12,00

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Prenotazione telefonica al numero 0331.677300

dal lunedì al venerdì, dalle 14.00 alle 18.00

www.palketto.itinfo@palchetto.it

I biglietti potranno essere acquistati in teatro la sera stessa dello spettacolo.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 febbraio 2016. Filed under PROVINCIA,Spettacoli&Cultura,Teatro. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *