Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Stefano Malerba: ” Tra Orrigoni e Galimberti ci perde il cittadino”

Stefano Malerba

Stefano Malerba

VARESE, 15 febbraio 2016- Appreso da alcune anticipazioni di stampa della candidatura a sindaco di Varese di Paolo Orrigoni, il civico Stefano Malerba ribadisce la propria determinazione ad andare avanti senza se e senza ma. “Sono ancor più deciso -afferma Malerba – a proseguire nella mia corsa alla carica di sindaco della mia città, poichè la mia candidatura si conferma l’unica autenticamente civica ed estranea alla ormai logora logica dei partiti. Orrigoni è un imprenditore molto noto, che pochi giorni fa mi aveva anche offerto il proprio sostegno, esprimendo apprezzamento nei confronti del mio progetto, che mira a una reale svolta.

Prendo atto che, nel giro di poche ore, durante le quali ha svolto attività “diplomatiche” in funzione di altre candidature, la stessa persona ha cambiato ancora idea, preferendo una candidatura totalmente partitica, decisa dal tavolo provinciale dei partiti e condannata ai condizionamenti e alle logiche spartitorie che i partiti imporranno”.

Stefano Malerba ha un’idea completamente diversa dell’impegno politico. Un impegno che non sorge dalle sedi di partito, ma dalla gente comune, dai cittadini, da tutti coloro che credono sia arrivato il momento di voltare pagina. Poi la stoccata finale: “Il burocrate Galimberti e il partitico Orrigoni – chiosa Malerba – hanno una cosa in comune: sono entrambi assidui frequentatori di lobby e salotti varesini: piccole oasi di privilegio che poco hanno a che fare con le reali esigenze della gente comune. Varese ha bisogno di persone che conoscano i problemi veri e che vogliano lavorare per risolverli”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 14 febbraio 2016. Filed under Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *