Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’Insubria di Varese ricorda i docenti antifascisti con una targa

image_pdfimage_print
targa_insubria

Alberto Coen Porisini, Fabio Minazzi, Davide Galimberti

VARESE, 27 ottobre 2016- L’Università degli Studi dell’Insubria è il primo Ateneo italiano a dedicare una targa in memoria dei dodici docenti universitari che, nel 1931, rifiutarono di giurare fedeltà al regime fascista e che per questo motivo furono licenziati: Ernesto Buonaiuti, Roma; Mario Carrara, Torino; Gaetano De Sanctis, Roma; Giorgio Errera, Pavia; Giorgio Levi Della Vida, Roma; Fabio Luzzatto, Milano; Piero Martinetti, Milano;  Bartolo Nigrisoli, Bologna; Francesco Ruffini, Torino; Edoardo Ruffini Avondo, Perugia;  Lionello Venturi, Torino; Vito Volterra, Roma. La targa è stata svelata oggi alla presenza del Magnifico Rettore, professor Alberto Coen Porisini, e del Sindaco di Varese, Davide Galimberti, nell’Aula Magna del Collegio Cattaneo al Campus di Varese, durante i lavori del convegno nazionale di studio dedicato a “Piero Martinetti: l’impegno della ragione nel mondo. Sulle radici della “Scuola di Milano” tra ragione e vita, tra Kant e Spinoza” promosso dal Centro Internazionale Insubrico “C. Cattaneo” e “G. Preti”. Il professor Fabio Minazzi, direttore del Centro Internazionale Insubrico, ha ricordato che «Solo dodici professori su 1225 dell’epoca, cioè solo l’1% dei docenti, difese la libertà di insegnamento. E tra questi dodici uno solo era docente di filosofia: Pietro Martinetti, personalità eminente dell’antifascismo lombardo e piemontese». Il convegno è stato l’occasione anche per presentare – 90 anni dopo – gli Atti del convegno “Filosofia Antifascista” organizzato proprio da Martinetti nel 1926 e interrotto d’autorità dalla polizia: il volume raccoglie gli atti del convegno e la rassegna stampa dell’epoca.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 ottobre 2016. Filed under Sociale,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *