Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Inaugurata la nuova sede dei City Angels. Mario Furlan: ” Oggi è un giorno speciale per tutti noi”

image_pdfimage_print

IMG_1352MILANO, 4 maggio 2016- di SARA CARIGLIA-

Per i City Angels non servono ali per essere angeli ma basta un cuore. Solidarietà e sicurezza le parole d’ordine per l’associazione di strada fondata nel 1994 a Milano da Mario Furlan, presente in 16 città italiane, da due anni anche a Lugano, composta da 500 volontari: veri e propri “angeli di strada”, (oltre il 50 per cento donne).

Per tutti loro oggi è stato un giorno importante. Oggi infatti nello storico quartiere milanese di Affori, è stata inaugurata la novella “casa degli angeli”: palazzina a due piani concessa in comodato d’uso gratuito dalle Ferrovie Nord.

Lasciata quindi la vecchia dimora in zona Loreto, la nuova sede in via Taccioli 31 si trova a pochi metri dalla fermata metropolitana M3 gialla, che possiede tutti i connotati per dirsi pratica, accogliente, ma anche carica d’amore e IMG_1356rispetto.

Questi i due assi portanti della solidale missione umanitaria targata City Angels il cui emblema è un’aquila che con le ali aperte che protegge i grattacieli di una città.

Alla cerimonia del taglio del nastro avrebbe dovuto presenziare il Primo cittadino di Milano, Giuliano Pisapia, che a causa di improrogabili impegni è stato costretto a rinviare l’appuntamento. A fare le sue veci gli Assessori comunali, Pierfrancesco Maran, Marco Granelli, e Pierfrancesco Majorino, quest’ultimo assessore alle politiche sociali.

Chiaramente non poteva mancare pure il rivoluzionario leader e fondatore di City Angels, Mario Furlan. Personaggio poliedrico e trasversale nel suo genere: professore universitario, direttore di diverse testate giornalistiche, autore di libri, esperto e cultore nel campo del coaching, nonchè grande conoscitore delle arti marziali. Stimato anche per la sua lotta in appoggio alle donne, ai gay e a ogni forma di abuso e sopruso.

<<Oggi inauguriamo la nostra nuova sede. Quella precedente, in via Teodosio, era piccola e ci costava 1500 euro al mese; per noi che siamo una associazione povera sono tanti. Questo danaro preferiamo spenderlo per le nostre attività umanitarie>>, dice Furlan che aggiunge <<un grazie sentito va a Ferrovie Nord, al Comune di Milano e a Regione Lombardia per aver contribuito a trasformare l’ex casa cantoniera, ormai abbandonata da sei anni, nella nuova sede afforese>>. Quest’ultima dotata di tutti i confort: dagli uffici al primo piano, alla

Mario Furlan

Mario Furlan

sala riunioni a piano terra (utile per fare segretariato sociale), al seminterrato, spazio adibito a magazzino, perciò adatto a stivare cibo a lunga conservazione, vestiti, coperte, sacchi a pelo e tutto ciò che occorre ai senza tetto. A impreziosire il domicilio di fresca data, i raffinati mobili del Gruppo Repsol Italia, guidato da Oliver Fernandez Garcìa.

<<Grazie a Repsol abbiamo dei mobili di lusso>> afferma ancora il fondatore della onlus. Al suo fianco la madrina d’eccezione degli “angeli di strada” Daniela Javarone <<Una cosa così bella Mario se la meritava>>.

Soddisfazione nelle parole delle varie autorità che hanno presenziato alla cerimonia, moltissimi i riconoscimenti ricevuti oltre che ai complimenti di rito.

<<Oltretutto sono stati primi attori nel consolidare la rete degli interventi dei volontari nelle strade della città. Grazie davvero. Evviva i City Angels>>, così Piefrrancesco Majorino.

All’inaugurazione invitate anche personalità della cultura, del sociale, della politica e dello spettacolo, come l’opinionista tv, Raffaello Tonon e l’attore Beppe Convertini, nonchè il cabarettista Stefano Chiodaroli. A detta di Furlan la loro presenza educherebbe a non avere diffidenza o paura di clochard, tossicomani, etilisti, ma anzi a vedere in loro persone che hanno bisogno di aiuto, di un sorriso o semplicemente di una parola di conforto. <<Mario sono stato al tuo fianco parecchie volte. La cosa bella è che tu scaldi il cuore di tante persone che un tetto non ce l’hanno. – assicura Convertini giunto da Roma appositamente, dopo avere lasciato il seti dun afiction- Tutti i volontari qui presenti sono davvero degli angeli e meritano un applauso>>.

Chiodaroli neppure in questa occasione mette da parte il suo umorismo che sembra piacere molto al pubblico il quale non fatica a lasciarsi andare a sonore risate <<Aiutare i City Angels mi libera dall’ansia di sentirmi buono. Quando si aiuta qualcuno che non ha qualcosa si pratica una forma reale di giustizia, ciò mi onora e mi lusinga. Quando Mario chiama, la prima volta non rispondo ma la seconda sicuramente>>.

Assente, invece la giovane cantautrice calabrese, Ylenia Lucisano, nuova testimonial della onlus milanese, con il suo inno intitolato “Un angelo senza nome”.

Beppe Convertini

Beppe Convertini

In conclusione a benedire la nuova sede dei City Angels Monsignor Franco Buzzi, Prefetto della Biblioteca ambrosiana, che munito di asperges ha benedetto tutti i presenti <<Non sarà una benedizione secca ma bagnata. O Dio, o Padre benedici quanti usufruiranno di questi locali, il loro lavoro e il loro impegno>>. Simultaneamente Monsignor Buzzi convinto di aver spento il cellulare riceve una chiamata e sdrammatizza con un simpaticissimo <<sono in contatto diretto con il cielo>>.

redazione@varese7press.it

L’attore Beppe Convertini saluta i lettori di Varese7press.it

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 maggio 2016. Filed under MILANO,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *