Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Atahotels: a rischio decine di dipendenti per mancato accordo tra proprietà e società di gestione

image_pdfimage_print
L'Atahotel di Varese

L’Atahotel di Varese

MILANO, 18 febbraio 2016 – Tre gravi vertenze occupazionali hanno impegnato oggi la Commissione Attività produttive, presieduta per l’occasione dalla Vice Presidente Lara Magoni (Lista Maroni) e dal Consigliere Segretario Onorio Rosati (PD).

Il primo caso affrontato è stato quello della catena alberghiera Atahotels, che dispone di 8 strutture in Italia, di cui 5 in Lombardia. Il mancato (per ora) accordo tra la proprietà e la società di gestione sta mettendo a rischio circa 400 dipendenti, tra personale diretto e indiretto. L’audizione era stata richiesta dal Consigliere Stefano Buffagni (M5S). Presente anche il sindaco di Pieve Emanuele, Paolo Festa, dove è presente una delle strutture.

Analoga situazione all’Hotel Boscolo di Milano dove il cambio di gestione mette a rischio 30 posti di lavoro: i sindacati chiedono un intervento normativo, possibilmente collegato alla legge sul turismo.

Sul fronte meltalmeccanico si è tenuto il confronto con lavoratori, sindacati, sindaco di Sesto San Giovanni e rappresentanti aziendali in merito alla situazione occupazionale della Alstom Power, su cui il Consiglio regionale aveva già preso posizione con una mozione votata all’unanimità. Mentre la nuova proprietà, General Electric, ha ricordato piani di investimento in Italia per 800 milioni nei prossimi 4 anni, la Commissione si è concentrata sugli esuberi, e in particolare sui previsti 236 licenziamenti (su 440 dipendenti) nello stabilimento di Sesto. In Commissione è intervenuta la Vice Presidente del Consiglio regionale, Sara Valmaggi, che ha sollecitato la presenza di Regione Lombardia in occasione del vertice con Alstom Power e General Electric presso il ministero per lo Sviluppo economico, convocato per il 26 febbraio.

La Commissione si è confrontata anche con Edilmaker srl in merito alle problematiche create dal divieto di accesso nell’Area C di Milano per i veicoli Euro 3.

La Regione è presente con Arifl in tutte queste partite e sta mettendo in campo strumenti diversificati per salvaguardare i livelli occupazionali – spiega la Vice Presidente, Lara Magoni – Nel settore alberghiero è emersa l’esigenza di intervenire quanto prima per tutelare i dipendenti in occasione del rinnovo degli appalti tra proprietà e gestori e su questo lavoreremo fin da subito. Stiamo seguendo da vicino la vertenza Alstom Power, su cui ci siamo espressi all’unanimità anche in Consiglio”.

Per il Consigliere Segretario Onorio Rosati le vertenze di Atahotels e Boscolo Hotel “confermano l’urgenza di aprire un tavolo tecnico sulla disciplina degli appalti nel settore alberg

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 18 febbraio 2016. Filed under Economia,MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *