Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Calcio femminile serie A: crollo del Verona in casa contro il Tavagnacco (1-5)

tav-ver-camporeseVERONA, 20 febbraio 2016– Crolla in casa sepolto da una valanga di reti (5 a 1), l’Agsm Verona contro il Tavagnacco, formazione caparbia e difficile da affrontare come il risultato dimostra ampiamente. E ancora un Agsm Verona incerottato quello che affronta il Tavagnacco “ammazza grandi” sul sintetico amico di via Sogare. La formazione friulana, dopo aver battuto il Mozzanica e pareggiato con la Fiorentina, vuole fare lo sgambetto anche alle scaligere per vendicare la sonora sconfitta rimediata all’andata.
Mister Longega deve rinunciare anche a Marta Carissimi febbricitante e recupera in extremis Cecilia Salvai, mentre l’ex di turno Bonetti parte dalla panchina.
La gara è molto combattuta fin dai primi minuti con le ospiti per prime pericolose e la risposta veronese nella conclusione alta di Ledri.
Fuselli potrebbe sfruttare meglio una ripartenza ma invece di concludere cerca l’assist intercettato dalla difesa friulana.
Occasionissima per Sardu al 25′ ma la giocatrice del Tavagnacco calcia a lato.
Due minuti più tardi friulane in vantaggio: Angolo di Parisi, palla nel mucchio per la perfetta incornata di Camporese che non lascia scampo a Ohrstrom.
L’Agsm Verona potrebbe subito pareggiare ma sugli sviluppi di un calcio d’angolo il pallone calciato a botta sicura da Ramera sbatte sul muro difensivo.
Pareggio scaligero al 35′: servizio al bacio di Michela Ledri per l’inserimento centrale di Silvia Fuselli che batte Penzo da due passi.
Quasi gol della solita Fuselli che a pochi centimetri dalla porta va alla deviazione ma Penzo blocca sulla linea.
Si va al riposo sul risultato di parità.
All’ottavo della ripresa le friulane tornano in vantaggio: calcio di punizione toccato da Camporese per Parisi che dai trenta metri mette la sfera nel sette.
Trascorrono solamente quattro minuti e le udinesi allungano sul tre a uno grazie alla conclusione da fuori area della giovanissima Dri. Sfera che passa in mezzo all’area affollata e si insacca.
Longega manda nella mischia Tatiana Bonetti, anche se non al meglio.
Le scaligere si espongono alle ripartenze del Tavagnacco ancora in gol con la scozzese Clelland che servita da Sardu si presenta davanti a Ohrstrom e infila il pallone dell’uno a quattro.
Piove sul bagnato in casa veronese perché Di Criscio si fa male ad una spalla e viene sostituita dalla primavera Angelica Soffia, e poco dopo è costretta ad uscire anche Gabbiadini sostituita da un’altra primavera, Caterina Ambrosi.
Nel frattempo le scaligere rimangono anche in inferiorità numerica per il doppio giallo rimediato da Laterza.
Nel quinto minuto di recupero giunge anche la rete della cinquina con l’ex Paola Brumana che sfrutta un retro passaggio corto di Salvai e trafigge Ohrstrom per l’uno a cinque finale.
Le veronesi scivolano così a meno quattro dalla vetta dove rimangono Mozzanica e Brescia.

VERONA-TAVAGNACCO: 1-5

Reti: Pt. 27′ Camporese, 35′ Fuselli, st. 8′ Parisi, 12′ Dri, 28′ Clelland, 49′ Brumana

Agsm Verona: Ohrstrom, Ledri, Di Criscio (30′ st. Soffia), Pirone, Gabbiadini, Fuselli, Ramera, Laterza, Squizzato, Baldo (14′ st. Bonetti), Salvai.
A disposizione: Harrison, Fasoli, Bonetti, Soffia, Ambrosi, Belfanti.
Allenatore: Renato Longega.

Tavagnacco: Penzo, De Val, Martinelli, Frizza (33′ st. Blasoni), Parisi, Clelland (35′ st. Brumana), Sardu (43′ st. Cecotti), Camporese, Dri, Zuliani, Filippozzi.
A disposizione: Copetti, Blasoni, Pochero, Brumana, Cecotti, Paroni, Piai.
Allenatore: Sara Di Filippo.

Arbitro: Massimo Abagnale di Parma.
Assistenti: Sostini di Este e Subotic di Verona.
Note: Campo in erba artificiale, giornata soleggiata, spettatori circa 300. Ammonite Laterza, Parisi, Sardu, espulsa Laterza per doppia ammonizione. Recupero 0+5.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 20 febbraio 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *