Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ivan Basso premiato a Lugano

image_pdfimage_print

Premiazione Ivan Basso 27 febbraio 2016LUGANO, 28 febbraio 2016– Grande entusiasmo ieri sera all’Hotel Parco Paradiso, a Paradiso, dove si è svolta la premiazione con protagonista Ivan Basso.

Il premio voluto dall’associazione I 30 Saggi (?) Arrotini, è stato assegnato per la quinta volta e nell’albo d’oro il nome del campione varesino segue quelli di Tony Rominger, Rubens Bertogliati, Stefano Garzelli e Paolo Bettini. A consegnare il riconoscimento sono stati i “saggi” Elio Calcagni e Claudio Bertarelli e con loro il presidente del Velo Club Lugano Andrea Prati. “ In questi primi mesi lontano dalle gare ho potuto apprezzare la bicicletta sotto altri aspetti – ha affermato Ivan – non esiste solo l’agonismo, la bicicletta è felicità, vita e benessere”. Il corridore di Cassano Magnago , accompagnato dalla moglie Micaela, ha poi continuato : “ Quest’anno sarà per me un momento importante per potere capire cosa potrò portare come valore aggiunto nel contesto del team Tinkoff . Sarà un 2016 molto impegnativo per me”. Durante la serata ci sono stai dei simpatici siparietti con gli altri ex professionisti Gianluca Pierobon e Patrick Calcagni: “ Da ragazzino qualche volta mi aggregavo ai professionisti varesini come Pierobon e li seguivo finchè potevo negli allenamenti – ha sottolineato Ivan – con Patrick siamo stati protagonisti come avversari in molte belle gare giovanili nel varesotto”. La motivazione del premio oltre che riconoscere i meriti acquisti nella sua carriera agonistica ha sottolineato le grandi doti di comunicatore e la disponibilità del veresino, e anche in quest’occasione Basso si è dimostrato tale: “ Tutto quanto ho appreso durante il mio periodo agonistico in bicicletta, compreso i due anni lontani dalle gare, mi è utile ora che sono parte integrante nella gestione di un team importante”. Ciclismo professionistico, ma anche attenzione al ciclismo giovanile: “ Da diversi anni sono vicino al Gruppo Sportivo Prealpino, società sportiva giovanile che porta il mio nome sulla propria maglia, ho poi in serbo delle nuove iniziative rivolte ai giovani”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 28 febbraio 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *