Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

I Giovani Padani del varesotto all’incontro su emergenza terrorismo e approccio di Israele ed Europa

image_pdfimage_print

received_10204711068571363MILANO, 28 febbraio 2016– Ieri, sabato 27,  la Sala Biagi di Palazzo Lombardia si è tenuto un incontro a titolo “Emergenza Terrorismo, l’approccio di Israele e dell’Europa”, che vedeva tra i relatori l’assessore regionale Terzi, Enrico Mairov e Luciano Bassani per Mediterranean Solidarity, on. Paolo Grimoldi segretario Lega Lombarda e Gavri Bargil presidente del movimento israeliano dei Kibbutz, il tutto moderato dal giornalista Max Ferrari.

L’incontro ha visto la partecipazione di duecento persone tra cui una quindicina di Giovani Padani del varesotto capitanati dal coordinatore varesino Davide Quadri e dalla co-coordinatrice del Tradatese Greta Uslenghi, che hanno avuto modo di apprezzare le riflessioni dell’ospite israeliano Gavri Bargil per quanto riguarda il processo di pace israeliano, le tattiche antiterrorismo nel contesto mediorientale, che vede Israele unico baluardo occidentale in una zona vicina e turbolenta. Gavri Bargil, militare pluridecorato e presidente del movimento dei Kibbutz ha avuto anche parole di cortesia per gli organizzatori e l’ente patrocinante e ha dato grandi spunti per la crisi migratoria attuale.  Più locali le tematiche toccate dall’onorevole Grimoldi e l’assessore Terzi circa la gestione del rischio terroristico e sulla recente sentenza della Consulta che stoppa la legge regionale sui luoghi di culto, forte l’impegno preso dal segretario della Lega Lombarda circa le proposte di legge da depositare presso la Camera dei Deputati.
Di risalto i saluti portati dall’attache militare israeliano in Italia e dalla futura ambasciatrice Fiamma Nirestein.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 28 febbraio 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *