Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Educazione alla legalità con la Consulta provinciale studentesca

stuVARESE, 29 febbraio 2016- In occasione della prossima riunione della Consulta provinciale studentesca, che si terrà nel Salone estense la mattina del 2 marzo, il consigliere comunale Giacomo Cosentino presenterà agli studenti il progetto “Contropiede: educazione alla legalità” di cui il Comune è il principale promotore. 

Alle ore 10 è previsto un saluto del sindaco Attilio Fontana. In questi giorni si stanno coinvolgendo le scuole. Di seguito la lettera del sindaco che spiega sinteticamente il progetto che sarà illustrato nei dettagli mercoledì alla Consulta, e poi a tutti gli studenti in un incontro al Teatro Apollonio il prossimo 6 aprile

“Contropiede” è un progetto ideato dal Comune di Varese e supportato da Regione Lombardia, Ufficio scolastico di Varese, associazione Vareselab e Forze di Polizia. L’iniziativa nasce allo scopo di mettere in rete le principali istituzioni presenti sul territorio varesino per realizzare e rendere più incisive le attività volte all’educazione ed alla sensibilizzazione della cittadinanza col fine di contrastare tutte le forme di criminalità organizzata.

Pilastro del progetto è dunque l’attività volta alla diffusione della cultura della legalità: solo con la conoscenza è possibile sradicare la cultura mafiosa ed è, quindi, fondamentale educare i più giovani sul tema della Giustizia sociale.

Il Comune si adopererà per far sì che, in primo luogo, vengano organizzati momenti nelle scuole in cui docenti e studenti – anche con l’ausilio di ospiti ed esperti – approfondiscano il fenomeno mafioso nelle sue varie sfaccettature.

Il progetto verrà presentato agli studenti ed ai docenti mercoledì 6 Aprile 2016 (9.30 – 12.30) al Teatro Apollonio di Varese. L’impostazione della scaletta è in via di definizione ma l’idea è quella di organizzare un dibattito tra magistrati in prima linea nella lotta alla mafia, esponenti delle forze di polizia, rappresentanti istituzionali, giornalisti e personaggi televisivi/cantanti/attori disposti a “metterci la faccia” per rendere ancora più forte il messaggio che si vuole far giungere agli studenti.

Al fine della buona riuscita dell’iniziativa, si chiede cortesemente la massima partecipazione da parte di studenti e docenti degli istituti superiori varesini.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 29 febbraio 2016. Filed under Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *