Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tirreno-Adriatico: Vincenzo Nibali a caccia del tris

Vincenzo Nibali

Vincenzo Nibali

MILANO,  29 febbraio 2016 – Dal Mar Tirreno a quello Adriatico attraverso sette tappe, per tutti i gusti, a partire dalla cronosquadre del primo giorno per finire con la crono individuale; in mezzo due arrivi per velocisti, due per finisseur e un traguardo in salita (ai 1.208 metri di Monte San Vicino): ecco i tanti campioni del pedale che risultano iscritti alla Corsa dei Due Mari, in programma dal 9 al 15 marzo e organizzata da RCS Sport/La Gazzetta dello Sport.

I principali pretendenti alla vittoria finale sono guidati da Vincenzo Nibali (recente vincitore in Oman), a caccia del tris dopo le vittorie del 2012 e 2013. Alejandro Valverde, che a febbraio si è aggiudicato la Ruta del Sol, è certamente uno dei rivali dichiarati di Nibali. Anche Rigoberto Uran – grande protagonista negli ultimi anni sulle strade del Giro d’Italia – Esteban Chaves – scalatore emergente e vincitore della prima edizione dell’Abu Dhabi Tour – Joaquin Rodriguez e Tejay Van Garderen – alla sua prima partecipazione – saranno della partita.

Il campione del Mondo, Peter Sagan, insieme a Fabian Cancellara, Greg Van Avermaet, Michal Kwiatkowski, Taylor Phinney, Edvald Boasson Hagen, Daniel Martin, Tony Martin, Diego Ulissi, Davide Formolo e Daniel Moreno saranno gli uomini più attesi nelle tappe per finisseur(Pomarance e Foligno) e nella cronometro individuale di San Benedetto del Tronto.

Tra i velocisti la lotta sarà apertissima con alcuni migliori sprinter al via come Mark Cavendish, Elia Viviani, Caleb Ewan, Fernando Gaviria, Moreno Hofland, Sasha Modolo, Heinrich Haussler e Giacomo Nizzolo a giocarsi le vittorie di tappa (Montalto di Castro e Cepagatti le frazione più adatte alle ruote veloci).

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 29 febbraio 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *