Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Cattaneo sulla questione moschee: “Libertà religiosa va tutelata”

moscMILANO, 1 aprile 2016- “L’impianto complessivo della legge ha tenuto e questo dimostra che il provvedimento che abbiamo votato in Consiglio regionale, differentemente da come era stato descritto, non è contro la libertà di culto ed è quindi improprio chiamarla legge antimoschee.” lo ha detto il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia, Raffaele Cattaneo, rispondendo alle domande dei giornalisti a margine del Convegno organizzato dalla  Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della piccola e media impresa sul tema delle aree vaste. “Mi auguro che quella che arriverà dalla Giunta al Consiglio regionale sia una proposta che rispetta il fondamentale principio della libertà religiosa, sulla quale non possiamo equivocare e non possiamo transigere. La libertà religiosa va difesa e tutelata ed è giusto che in Lombardia possano esserci luoghi di culto anche per le altre confessioni religiose – ha proseguito Cattaneo –.La nostra è una legge che disciplina alcuni criteri di carattere urbanistico per inserire nel territorio, in maniera organica e ordinata, luoghi di culto di religioni diverse che in una società multietnica, come quella verso la quale stiamo andando, sarà un fatto sempre più evidente dal quale non potremo sottrarci”. Cattaneo ha inoltre sottolineato che: “Mi ha stupito la posizione del Comune di Milano che sul bando relativo alle moschee ha fatto marcia indietro. Mentre l’amministrazione comunale si affrettava ad attaccare quanto avevamo seriamente fatto in Regione, ora, per ragioni di convenienza elettorale, si trova a ritirare un provvedimento che aveva preso. La Regione, invece, continua a fare seriamente il suo lavoro su una questione che è aperta in Lombardia”.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 1 aprile 2016. Filed under Cronaca,MILANO,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *