Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Pallavolo maschile: Merate si aggiudica la finale del campionato provinciale Under 14

Under 14 finale provinciale 2015-2016MALNATE, 4 aprile 2016- La sfida con Merate arriva al culmine di un campionato dominato da ambo le parti, infatti sia i padroni di casa che lo Yaka , hanno sempre vinto durante le fasi di eliminazione, Merate ha da sempre una storia in ambito giovanile, lo Yaka da qualche anno domina , quindi gli ingredienti per un bel match ci sono tutti.

Al termine dei giochi sfugge di un soffio la vittoria della manifestazione ai giovanissimi “ometti” ( cosi allo Yaka li abbiamo simpaticamente soprannominati ) allenati dalla coppia Taiana e Partegiani , ma in questa finale si è visto veramente di tutto, Merate è partita bene dominando il primo e il secondo set, ma quando Merate si è sentita la vittoria in tasca, ecco che gli Ometti ci stupiscono e reagiscono da veri professionisti mostrando di saper far fronte alle difficoltà e vanno a vincere il terzo e il quarto , e così nel quinto set , la classica “partita nella partita” si assiste al vero e giusto equilibrio di questa finale che vede prevalere Merate , ma solo nel finale. Nulla da dire, questo match ha comunque portato lo Yaka a qualificarsi per la fase regionale e i dati raccolti dagli allenatori durante il match saranno utilissimi per la crescita dei nostri ….Ometti. uno su tutti questa Matteo Cristina , da incorniciare la sua prestazione di oggi.

Nel primo parziale si parte con le squadre che avanzano insieme fino al 14 pari, qui il Merate allunga 14-17 grazie ad errori dello Yaka, che tenta di riagguantare l’avversario con un bel muro e qualche attacco, ma sul 18-20 i lecchesi ottengono due nostri errori e infilano tre attacchi vincenti chiudendo 18-25.

Nel secondo set lo Yaka lascia troppo spazio al gioco avversario commettendo anche qualche errore di troppo e Merate si ritrova 2-6 con facilità. Losito dal centro attacca e fa punto, ma ancora Merate si porta avanti 3-8. Un buon attacco di Cristina sembra  riaccendere lo Yaka che si riavvicina al Merate con un gioco più efficace costringendo  l’avversario a sbagliare e con attacco di Roccatello  L.  e di Rodini  F. siamo 9-11. Il Merate però è attento e batte bene, lo Yaka sbaglia in ricezione  e muro  e non riesce a concludere in attacco, sembra aver grippato il motore e Merate vola a chiudere il set 14-25.

Taiana non ci sta e cambia l’assetto in campo giocando con due alzatori (Baj e Ferrario) e sposta Cristina in centro. La tattica si rivela subito vincente e nel terzo set lo Yaka parte col turbo spaventando Merate (5-1) con gli Yakini soli in campo per il 16-6. Cristina con convinzione sfonda dal centro il muro avversario e riavvia la sua squadra contro i lecchesi che nel frattempo hanno tentato di avvicinarsi (19-12) lo Yaka c’è e non perde colpi andando a chiudere il set 25-19.

Merate non ci sta e non vuole perdere la finale,  lo Yaka è osso duro e non cede, pertanto le due formazioni procedono punto a punto per tutto il set. Siamo sul 24 pari e lo Yaka con una piccola “magia da folletti” ottiene il 26° punto e vince il set.

Il quinto set si apre con Merate e Yaka che ora giocano alla pari da veri professionisti e punto su punto si arrivava al cambio campo con lo Yaka avanti 8-7. Ancora punto a punto fino al 11-11 , poi qualche errore di troppo dello Yaka lancia Merate alla vittoria 11-15.

TABELLINI

Yaka volley 2 – Pallavolo Merate 3

Parziali set:  18-25  14-25   25-19  26-24  11-15

 Yaka Volley: Baj F.(1)Cristina M.(3)Roccatello M.(5), Losito D.(18), Malinverno G.(21), De Bernardi M.V. (24), Ferrario A (36) Rodini F (37) Roccatello L. (50), Azza K. (38), Baruffi M. (39) .

1° Allenatore: Fabio Taiana – 2° allenatore Davide Partegiani – Dirigente: Monica Venturin

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 aprile 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *