Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tutti ammessi i bambini ai servizi parascolastici: accettate anche le domande presentate in ritardo

image_pdfimage_print
Il sindaco Galimberti oggi sullo scuolabus per la Rasa (foto varesenews)

Il sindaco Galimberti oggi sullo scuolabus per la Rasa (foto varesenews)

VARESE, 13 settembre 2016 – Sono stati tutti ammessi ai servizi parascolastici i bambini che hanno fatto domanda in ritardo sulla graduatoria che si era chiusa il 1 luglio 2016. Accettate dunque anche tutte le richieste pervenute nei primi giorni di settembre e fino al 12 di questo mese, per un totale di circa  70 bambini. Da oggi quindi prendono il via i servizi parascolastici nelle scuole di Varese per quasi 1400 iscritti. A deciderlo è stata la Giunta comunale di Varese, guidata dal sindaco Galimberti, e dall’assessore ai Servizi Scolastici, Rossella Di Maggio. “Lo sforzo dell’amministrazione è stato molto impegnativo ma la volontà è stata quella di non lasciare indietro nessuno”.

Inoltre con il primo giorno di scuola è partito anche il servizio di scuolabus per i ragazzi della Rasa.  Tredici piccoli studenti del quartiere di Varese che per tutto l’anno potranno recarsi alla Scuola Primaria “Canetta” grazie al pulmino messo a disposizione dall’amministrazione.

“Siamo molto orgogliosi di queste iniziative che migliorano la qualità della vita dei ragazzi e delle famiglie varesine. Come il nuovo servizio pubblico che collega il quartiere della Rasa con Varese e la scuola Canetta. Abbiamo poi voluto non lasciare indietro nessuno e consentire a tutti di accedere ai servizi parascolastici perché vogliamo essere di supporto alle famiglie consentendo ai genitori di poter svolgere le attività lavorative in tranquillità”.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 settembre 2016. Filed under Sociale,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *