Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Alla Lamberti spa di Albizzate chimica e didattica per trovare nuovi ricercatori

IMG_0654ALBIZZATE, 7 aprile 2016- di SARA CARIGLIA-

Alchimisti per un giorno? Oggi alla Lamberti spa di Albizzate si può.

E’ proprio qui nello storico complesso industriale albizzatese nato nel lontano 1911, che a partire dai primi di marzo di quest’anno  nove classi– più precisamente IV e V elementari, I e III medie di Albizzate e Valdarno-  grazie  a un accordo  sottoscritto tra ilIMG_0584 Comune, la stessa azienda e il consiglio di istituto scolastico – hanno avuto e potranno avere la possibilità di sperimentare finalmente il sogno di ogni bambino curioso: diventare chimico per almeno un giorno.

Come  oggi, quando alcuni studenti  hanno visitato il laboratorio Guar targato Lamberti Spa  (il cui nome deriva dalla cosiddetta gomma guar, addensante di origine vegetale usata sia a scopo alimentare che cosmetico, per esempio nelle caramelle gommose Haribò). I chimici in erba,  hanno potuto dilettarsi a interpretare per qualche ora il ruolo dello scienziato tra risate e stupore di meraviglia, adoperandosi tra le varie strumentazioni tecniche che il laboratorio metteva a loro disposizione.

Il reparto Guar in effetti è  un vero e proprio atelier fatto di pipette, provette, filtri, bilancine, termometri e reagenti, con l’unico scopo di vedere in azione e in reazione la chimica.

IMG_0663Come l’esperimento di questa mattina che ha provocato una tipica “sintesi” da laboratorio. In che modo? Molto semplicemente mescolando del comune aceto casalingo a del bicarbonato. Risultato, la produzione di un buon quantitativo di energia potenziale che al rilascio di un palloncino sgonfio agganciato al collo di una bottiglia gonfiandosi ha prodotto un effetto sorprendente e altrettanto scenografico per via dell’energia cinetica generata al suo rilascio. Effetto che ha lasciato a bocca aperta grandi e piccini, ovvero tutte quelle persone che nella mattinata di oggi: giornalisti, maestri, alunni, dirigenti aziendali erano presenti alla visita guidata alla Lamberti Spa.

Tra gli obiettivi primari dell’azienda con sede ad Albizzate, anche quello di realizzare il piccolo grande sogno di questi studenti, e quale luogo più appropriato se non uno dei laboratori chimici più all’avanguardia del mondo <<Produciamo un migliaio di prodotti per una decina di applicazioni: stazioni petrolifere, agrochimica, carta, ceramica, cuoio, pitture, vernici e tanto altro. Prodotti i nostri che conferiscono agli articoli finiti delle proprietà d’uso specifiche>> spiega Fabio Viola direttore di stabilimento.

A detta di Viola  il progetto, visto e considerato l’ampio margine di successo che ha ottenuto quest’anno, verrà riproposto anche l’anno prossimo. Progetto non troppo impegnativo per i ragazzi: otto ore di lezioni frontali e pratiche diluite in un anno scolastico. Questo approccio alla materia è fondamentale perché consapevolizza i ragazzi di come all’interno del circuito aziendale ci siano delle regole di sicurezza alle quali adempiere, e come dietro alle quinte prestino la propria manodopera anche dei ricercatori.

Un aneddoto, allo stesso tempo rilevante e rimarchevole,  spiega il direttore, fu quello che riguardò da vicino una ragazzina colpita da un malore e per questo subito accorsa dal medico aziendale. In quella circostanza, i  ragazzi sarebbero stati così fortemente colpiti nell’osservare e nel comprendere come una realtà aziendale,  possa inglobare anche una figura medica che risolve brillantemente le situazioni da farlo presente nelle pagine del loro tema scolastico. <<Sembra una banalità ma non lo è affatto>>  evidenzia ancora Viola.IMG_0624

Siamo consapevoli che la chimica è una delle materie più ostiche da affrontare a livello scolastico, dunque cosa di più invitante che studiarla sul campo con programmi curriculari studiati a doc trasformando un momento didattico in esperienza. << D’altronde concepita in questo modo la chimica da la possibilità sia noi che a loro di uscire dalla routine>> dichiara Mattia Canziani, ricercatore aziendale.

 Alessio Pozzi, un altro ricercatore dell’azienda gallaratese, si dice assolutamente soddisfatto della giornata odierna <<Il fatto di fare animazione scientifica dà la possibilità di toccare con mano qualcosa di inverosimile che nell’immaginario collettivo viene ricondotto immediatamente a esplosioni, scariche, esperimenti e non alla mera chimica di tutti i giorni, quella che si studia nelle scuole per intenderci>>.  

IMG_0592E questa dinamica per Sabrina Maniscalco, anche lei ricercatrice Lamberti, è di fondamentale importanza per riconsegnare alla chimica una immagine di aiuto e non di paura << La chimica fa paura. Dunque avvicinare i ragazzi a questa realtà è il modo migliore per far comprendere loro cosa avviene qui dentro senza troppi timori. Gli albizzatesi guardano la Lamberti con occhio spaventato perché questa materia viene ingiustamente paragonata a qualcosa di incerto>>.

 Ma la chimica è soprattutto vita e quotidianità. <<Chimica è quando ci laviamo i denti la mattina, chimica è quando andiamo a letto la sera e appoggiamo la testa su di un cuscino ergonomico>>.

Anche nei rapporti interpersonali a voler ben vedere c’è della chimica. Alla domanda c’è chimica tra voi, i tre ricercatori albizzatesi rispondono in coro <<assolutamente sì: siamo affiatatissimi>>.

redazione@varese7press.it 

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 aprile 2016. Filed under Economia,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *