Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il sommelier Gennaro Buono rappresenterà l’Italia al concorso mondiale che si terrà in Argentina

image_pdfimage_print

ROMA, 11 aprile 2016- Gennaro Buono, il restaurant manager del ristorante 2 stelle Michelin Il Pagliaccio, è il candidato per l’Italia al concorso Miglior Sommelier del Mondo ASI, che si svolgerà dal 15 al 20 aprile 2016 a Mendoza, Argentina. Tre gli ostacoli da superare: quarti di finale il 16 aprile, semifinale domenica 17 aprile ed eventuale finale il 19 aprile.

Durante la sua lunga carriera Gennaro Buono non ha mai smesso di apprendere e studiare: “dedico moltissimo tempo a studio e formazione, non è mai abbastanza il sapere”.

Le confermano le tante qualifiche ottenute negli anni: sommelier professionista, maitre sommelier, assaggiatore di salumi, assaggiatore nazionale di caffè, master trainer per l’INEI (ovvero l’istituto Nazionale Espresso Italiano). Non contento si è dedicato a diversi master professionali dedicati all’ analisi sensoriale: è idrosommelier e tea sommelier. Ha inoltre conseguito il Diploma Internazionale di Sommelier ASI, la qualifica di sakè sommelier ed il titolo di Certified Sommelier presso il Court of Masters Sommelier.

Tra i diversi riconoscimenti si è qualificato terzo al concorso come Miglior Sommelier d’Italia nel 2010 per poi diventare Campione Italiano nel 2012.

Prima di essere tra i principali attori in sala de Il Pagliaccio**, Gennaro Buono ha lavorato a L’Olivo** del Capri Palace Hotel come sommelier, al ristorante Oud Sluis*** in Olanda, come food&beverage manager per i resort del gruppo Hapimag.

Non possiamo che sperare che l’Italia per il prossimo anno sia la patria del Miglior Sommelier del Mondo ASI (www.sommellerie-internationale.com).

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 aprile 2016. Filed under MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *