Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Migliaia in treno al Salone Internazionale del Mobile

image_pdfimage_print

IMG_8970MILANO, 15 aprile 2016 – Vengono da Milano e dalla Lombardia, dal resto d’Italia e da tutto il mondo: sono in moltissimi in questi giorni a scegliere il treno per raggiungere il “Salone del Mobile” in corso fino a domenica 17 aprile alla Fiera di Milano a Rho.

Nei primi tre giorni dell’evento, infatti, oltre 35mila hanno utilizzato una delle 280 corse offerte quotidianamente da Trenord per raggiungere o tornare dall’evento. E sabato 16 e domenica 17 aprile, ultimi due giorni per visitare l’esposizione aperta anche ai non addetti ai lavori, Trenord mette a disposizione oltre 500 corse potenziate nelle composizioni che fermeranno nella stazione di Rho Fiera.

Stazioni e treni pieni in particolare nel Passante Ferroviario di Milano, che dopo aver registrato frequenze record in occasione di Expo, continua ad essere apprezzato da un numero sempre maggiore di clienti negli spostamenti in area metropolitana. In 14 minuti collega infatti l’area dell’esposizione con Porta Garibaldi e a seguire Porta Venezia e Repubblica..

Il treno è anche il mezzo più ecologico per raggiungere il Salone del Mobile: grazie ai viaggiatori che hanno scelto una delle corse Trenord, nelle prime tre giornate della manifestazione è stata evitata l’emissione nell’aria di oltre 21 tonnellate di anidride carbonica.

Per informazioni sulle tariffe speciali per l’evento e orari è a disposizione il sito trenord.it.

Nelle giornate di sabato e domenica la biglietteria di Rho Fiera sarà aperta dalle ore 12 alle 19.30. Dalle ore 12.30 alle 20 presso la stazione sarà attivo un punto straordinario di assistenza da parte degli operatori del My Link Staff di Trenord.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 15 aprile 2016. Filed under Economia,MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *