Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il fotoreporter e scrittore Ugo Lucio Borga ospite alla Sala Montanari di Varese

image_pdfimage_print
Bangui, Central African Republic, the fifth arrondissement, hold Burundian troops under fire seleka militiaman who attempted to throw a hand grenade at a patrol

Bangui, Central African Republic

VARESE, 16 aprile 2016- Questa sera alle ore 21 presso la Sala Montanari a Varese ospite UGO LUCIO BORGA, un attento e coraggioso foto giornalista e scrittore che si occupa di dare una testimonianza di tragedie umanitarie e sociali, e conflitti in tutto il mondo.

Eventi che spesso vengono spesso trattati in modo frettoloso e superficiale dalla stampa.
La serata costituirà una preziosa occasione non solo per guardare le sue immagini, ma anche per sentire la testimonianza sull’attuale momento storico di un Continente, l’Africa, che ha visto in tempi recenti l’ingresso del fondamentalismo islamico in seguito a conflitti scoppiati in altri continenti.
Le guerre nella Repubblica Democratica del Congo, della Repubblica Centrafricana e del Sud Sudan connesse con un altro estremismo di portata globale, quello finanziario. Storie di guerre di rapina.
Ugo Lucio Borga, autore di articoli e reportage apparsi su riviste, televisioni e radio di vari Paesi non solo in Europa, racconta guerre, conflitti etnici, religiosi e razziali, situazioni d’instabilità politica e sociale e problematiche connesse all’immigrazione, alla povertà, all’emarginazione e alla discriminazione in ogni parte del mondo. Persegue anche lo scopo di diffondere la cultura di un’informazione indipendente ed etica, di promuovere il foto-giornalismo e la cultura dell’immagine d’autore attraverso corsi di formazione, laboratori, conferenze, mostre.
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 16 aprile 2016. Filed under Arte,Spettacoli&Cultura,Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *