Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Canottaggio pararowing: da Gavirate a Rio

image_pdfimage_print

GAVIRATE, 21 aprile 2016 Iniziate a Gavirate le qualificazioni paralimpiche, l’ultima possibilità per le nazioni che non hanno conquistato il pass per Rio durante il mondiale dello scorso anno dove l’Italia piazzò alle Paralimpiadi ben tre equipaggi: i due singoli AS maschile e femminile e il quattro con LTAMix, mentre non raggiunse la qualificazione con il doppio TAMix. Ed è proprio il doppio TAMix, formato sempre da Daniele Stefanoni, ora al carrello due (ad Aiguebelette era capovoga), e da Anila Hoxha, attuale capovoga dell’equipaggio, che questa mattina è stato impegnato nella prima giornata di gare riservate alle eliminatorie.

Una eliminatoria la seconda – mentre la prima è stata vinta dalla Cina -, che ha visto l’armo azzurro dominare la qualificazione e tagliare nettamente per primo il traguardo. Quindi sia l’Italia che la Cina si sono aggiudicate l’accesso diretto alle Finali di sabato mattina durante le quali saranno definiti gli ultimi pass paralimpici. Entrambi gli atleti hanno confermato che la gara è stata gestita solo per poter accedere alla finale tant’è che solo nei primi trecento metri l’Argentina, seconda, è riuscita a stare attaccata alla barca italiana, mentre sul finale l’Italia ha praticamente tagliato il traguardo in solitaria.

Questo il programma delle qualificazioni paralimpiche: oggi alle ore 17.00 inizio recuperi (l’Italia non è impegnata). Venerdì 22: dalle ore 10.30 inizio semifinali. Sabato 23: Dalle 9.30 alle 10.00 Finali B; dalle 10.10 alle 10.50 Finali A.

I Risultati delle batterie di oggi – prima batteria: 1. Cina 4.14.90, 2. Russia 4.21.81, 3. USA 4.22.20, 4. Giappone 4.50.71. Seconda batteria: 1. Italia Anila Hoxha (Cus Torino), Daniele Stefanoni (CC Aniene) 4.23.25, 2. Argentina 4.52.00, 3. Lettonia 6.36.54

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 21 aprile 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *