Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

E’ tornato il coccodrillo di Santa Maria del Monte al Museo Baroffio di Varese

image_pdfimage_print
Panorama del Museo Baroffio

Panorama dal Museo Baroffio

VARESE, 21 aprile 2016- È tornato il coccodrillo di S. Maria del Monte, curioso ex voto presente in Santuario dall’inizio del Settecento. È ora esposto in una saletta del Museo, a lui riservata, con pannelli esplicativi e una scheda sul restauro.

Il restauro, che ha aggiunto importanti elementi di conoscenza, è stato eseguito da Paolo Moro, sotto la direzione di Isabella Marelli (Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio, Milano) e con il totale sostegno economico di Fondazione Malcantone, Pro Breno, Amici Museo del Malcantone.

Si narra che il “mostro”, scappato da una gabbia sul lago di Lugano, fu ucciso da un giovane di Breno, paese del Malcantone, che per compiere l’impresa si era affidato alla Madonna del Monte sopra Varese. Dopo due secoli di ostensione presso il Santuario, all’inizio del Novecento il coccodrillo, ormai sfasciato, fu chiuso in una teca e portato in Museo, dove oggi è tornato a raccontare, in modo più leggibile, una storia che va oltre l’ambito locale. Sono infatti più di cinquanta i casi di coccodrilli presenti in Italia presso santuari mariani, a partire dal più famoso, appeso alle volte di S. Maria delle Grazie a Curtatone.

Venerdì 29 aprile (ore 21), all’interno della rassegna RESTAURI RARI, presso il Monastero di Cairate conferenza Il coccodrillo di S. Maria del Monte: storia e recupero del “mostro di Breno” con Laura Marazzi e Paolo Moro.

 COCCOGRULLO VA IN MUSEO

Attività bambini (5 – 10 anni)

fino al 2 giugno

in orario d’apertura

CoccoGRULLO va in Museo perché  vuole incontrare il coccodrillo del Baroffio, fresco di restauro. Ma prima di riuscirci ne combina di tutti i colori!

Incontra CoccoGRILLO, CoccoBELLO, CoccoBULLO, CoccoDRITTO, CoccoBRILLO e CoccoSTRILLO che gli danno qualche lezione di galateo museale e che lo aiutano a scoprire i segreti del Museo: perché le opere non stanno bene all’umido? Chi ha fatto quei buchini nel legno? Infine trova il cocco del Baroffio e ascolta la sua storia eccezionale.

Si può iniziare l’attività in qualsiasi momento dell’orario di apertura.

Prenotazione obbligatoria solo per gruppi (> 6 bambini)

Percorso e laboratorio compresi nel costo del biglietto d’ingresso (bambini € 2)

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 21 aprile 2016. Filed under Arte,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *