Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Tenta di raggiungere Malpensa in treno ma viene arrestato

malSOMMA LOMBARDO/ MALPENSA, 27 aprile 2016– Anche durante i “ponti” festivi l’attività della Polizia di Stato non si ferma. Succede domenica 24 aprile che un cittadino algerino, M. L., in Italia senza una fissa dimora, proprio nel giorno del suo quarantaseiesimo compleanno, decide di prendere il treno per l’aeroporto, forse per regalarsi, per la lieta occasione, l’ennesimo oggetto di valore.

E’ ignaro, il cittadino algerino, che su di lui pende un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. presso il tribunale di Busto Arsizio a seguito delle indagini svolte dalla Polaria Malpensa che avevano permesso di identificarlo quale autore di numerosissimi furti commessi nello scalo varesino.

Nel periodo tra febbraio 2015 e febbraio 2016 M. L. ha perpetrato ben 12 furti ai danni di passeggeri, prediligendo quali luoghi per la sua illecita attività il salone check-in e la zona degli autonoleggi, aree dove solitamente il passeggero in sosta è distratto perché impegnato nella registrazione del volo o nella stipula del contratto di noleggio.

Le indagini avevano comunque permesso di recuperare ed in alcuni casi di riconsegnare ai legittimi proprietari, nell’immediatezza dei fatti, parte della refurtiva, costituita anche da oggetti di notevole valore, non solo economico ma anche affettivo.

L. viene individuato, nel consueto atteggiamento sospetto ormai ben noto al personale della Polaria, da un agente libero dal servizio che, in abiti civili e con l’ausilio di un’altra pattuglia, si mette alla ricerca dell’indagato, nel frattempo salito su un treno in partenza per Milano, evidentemente per sfuggire all’ennesimo fermo da parte della Polizia.

La fuga, tuttavia, non è riuscita grazie all’immediato intervento a bordo del treno, dal quale il cittadino algerino veniva invitato a scendere per essere, al termine dei rilievi fotografici e dattiloscopici e la notifica degli atti a carico, accompagnato presso la Casa Circondariale di Busto Arsizio

L., irregolare sul territorio nazionale dal 1996 e già colpito da provvedimento di espulsione, risultava essere stato più volte denunciato dalle forze dell’ordine per numerosi reati contro il patrimonio commessi nel corso della sua permanenza in Italia.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 aprile 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *