Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Presentato a Milano il Festival della Comunicazione di Camogli nel ricordo di Umberto Eco

Un momento della presentazione

Un momento della presentazione

MILANO, 2 maggio 2016- di GIANNI BERALDO

Umberto Eco non c’è più ma la sua grande intelligenza, spirito critico ma innovativo oltre alla sua notoria e contagiosa ilarità quella rimarrà sempre per sempre.

E’ con il pensiero rivolto al grande scrittore e semiologo, alessandrino di nascita e milanese d’adozione, che questa mattina alla sala conferenze nella sede Rai di Milano, è stata presentata la terza edizione del Festival della Comunicazione di Camogli.

Festival ideato tra gli altri proprio da Eco, che ha trovato le persone ideali per poterlo realizzare in Rosangela Bonsignorio, direttrice del festival e Danco Singer, esperto di editoria multimediale che con Umberto Eco diedero vita alla famosa Encyclomedia, la prima grande Enciclopedia multimediale riconosciuta in tutto il mondo. “Pro e contro il web” questo il titolo della lectio, macrotema individuato da Eco per questa terza edizione

Un appuntamento davvero importante questo di Camogli, festival sponsorizzato Rai che ha sempre creduto nella sua valenza culturale ed educativa. Rai sempre ben rappresentata tra l’altro da suoi diversi “assi” del giornalismo come l’attuale direttore generale Monica Maggioni, oggi intervenuta in collegamento da Roma.

Bonsignorio ha ricordato un po’ emozionata la figura del suo amico Eco <<Lui voleva nelle giornate del festival analizzare tutte le implicazioni, sociali, culturali, politiche e educative del web>>, direttrice che ha annunciato tra l’altro che quest’anno vi sarà pure Roberto Benigni. Presente anche il sindaco di Camogli Francesco Olivari che ha

Rosangela Bonsignorio

Rosangela Bonsignorio

sottolineato quanto sia importante per questa cittadina il Festival della Comunicazione, evidenziando ancora una volta le bellezze paesaggistiche di quest’area della Liguria, ma anche novità in ambito culturale. Sindaco che ha ricordato  il termine lavori di ristrutturazione dello storico teatro completamente ristrutturato, utile per la prossima edizione del Festival

A livello istituzionale da segnalare l’assessore regionale alla Cultura Ilaria Cavo che ha ribadito la peculiarità di questa manifestazione, importante per tutta la regione Liguria.

Tra gli ospiti di oggi il disegnatore Tullio Pericoli, altro grande amico di Eco con il quale condividevano spesso serate pregne di amicizia discutendo anche di collaborazioni lavorative.

Pericoli che al Festival presenterà una mostra con disegni dedicati a Eco, molti dei quali inediti <<Di questa mostra ne parlai l’anno scorso con lo stesso Umberto, il quale inizialmente non approvò l’idea in quanto non voleva peccare di narcisismo agli occhi della gente. Alla fine accettò. Rispetto al progetto iniziale, ho aggiunto altre tavole: in totale sono 94 gran parte di esse non ricordavo nemmeno più di possedere in archivio. Insomma una bella sorpresa>>. Un’amicizia quella tra Eco e Pericoli nata nel lontano 1977 quando il letterato piemontese inviò una lettera al disegnatore milanese allora alle dipendenza del Corriere della Sera, da quel momento iniziarono i rapporti di amicizia e stima reciproca.

Il Festival della Comunicazione di Camogli in poco tempo si è affermato come uno degli appuntamenti culturali in Italia. Molte le sorprese per queste edizione, quattro giornate (dal 8 al 11 settembre) con incontri, dibattiti, spettacoli, mostre, escursioni anche marine e molto altro ancora. Tra le novità pure la possibilità di visitare e partecipare all’officina robotica (dalla robotica all’internet delle cose), così come interessante sarà la Sala degli abissi, dove provare l’esperinenza esclusiva del viaggio nelle profondità degli abissi grazie all’applicazione VR, inediti visori di realtà virtuale.

Ovviamente la parte preponderante del festival verterà si incontri a tema e dibattiti <<Questo festival, uno degli oltre 100 che ogni anno si svolgono in Italia, ha la particolarità di essere come il “Bar Giamaica”, storico locale milanese dove ci si ritrova ogni tipo di personaggio. Ecco, questo festival potrei definirlo il bar Giamaica di Camogli, una sorta di “meticciato” culturalmente interessante. Un festival né troppo corto, né troppo lungo: insomma è carne ma anche pesce!>>, così il professore Severino Salvemini, docente all’università Bocconi che aggiunge un altro particolare interessante <<oltre all’ovvio indotto di tipo economico/turistico per tutto il territorio, questo appuntamento è importante per come cambierà nel tempo il patrimonio cognitivo degli abitanti, basti vedere l’esempio di Mantova con i residenti ora calati in una realtà ben diversa e con approcci culturali cambiati rispetto ai primi anni>>.

Analisi sociologica decisamente interessante. Così come mai banali sono gli interventi dell’ex magistrato Gherado Colombo, anch’esso presente oggi così come sarà nel cartellone degli appuntamenti di Camogli. Colombo che non poteva che parlare di web e diritti <<Uso del web e rispetto della dignità delle persone: dove sta il limite?>>. A tal proposito l’ex magistrato di “mani pulite” punta il dito sulla tanto discussa intervista rilasciata dal figlio di Totò Riina alla trasmissione televisiva “Porta a Porta” <<la libertà di parola fa parte della Costituzione, certamente in alcuni casi bisognerebbe trovare una gusta sintesi su cosa sia lecito dire o non dire in pubblico>> E ancora <<la repressione sull’uso del web, confligge con la libertà di espressione>>, tutti dubbi e riflessioni importanti.

Un assaggio di quello che si potrà vedere e ascoltare al Festival della Comunicazione.

Tullio Pericoli e Roberto Cotroneo

Tullio Pericoli e Roberto Cotroneo

Spunti dibattimentali sui quali spinge pure Roberto Cotroneo, giunto appositamente da Roma per questa presentazione <<Sul web la gente ha iniziato a raccontarsi creando alla fine una sorta di biografia collettiva. Oggi il mondo si divide in due: chi utilizza i vari social e chi, spesso fingendo un certo snobismo, non li vuole utilizzare>>. Il famoso giornalista, scrittore, sceneggiatore e pure poeta, dall’alto dei suoi molteplici interessi culturali non poteva esimersi nel sottolineare come <<anche la scrittura narrativa, il giornalismo sempre più in fase cadente e la stessa poesia, con il web stanno cambiando. Come sarà il futuro in questo ambito? Difficile dirlo, anche perché la velocità dei cambiamenti è talmente repentina da non poter essere preventivabile>>.

Di certo invece c’è il bellissimo programma del Festival consultabile attraverso il sito www.festivalcomunicazione.it , altamente consigliato a tutti. Coniugare qualche giorno di vacanza con mare, escursioni, dibattiti culturali e giochi vari, non è mai stato così semplice ma anche importante.

direttore@varese7press.it

Encyclomedia, la prima grande enciclopedia multimediale.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 2 maggio 2016. Filed under MILANO,Spettacoli&Cultura,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *