Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Finiscono in carcere di Varese due uomini già ai domiciliari

miogniVARESE, 11 novembre 2016- Arrestati dai Carabinieri della Compagnia e della Stazione di Varese, due uomini noti alle forze dell’ordine, entrambi in regime di arresti domiciliari e domiciliati a Varese ma originari rispettivamente delle province di Messina e Caserta.

Il primo colpito da ordine di carcerazione per condanna definitiva ad oltre quattro anni di reclusione, mentre il secondo, colpito da ordine di carcerazione per condanna definitiva ad oltre cinque anni di reclusione.

Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Varese collaborati dal personale della Stazione di Varese, hanno arrestato nella prima mattinata di ieri, un 65 enne originario della provincia di Messina noto alle forze dell’ordine, domiciliato a Varese e già in regime di arresti domiciliari.

I militari hanno notificato all’uomo un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti, emesso il 7 novembre scorso dal Procuratore della Repubblica di Como, poiché il 65 enne deve scontare una pena complessiva di anni 4, mesi 8 e giorni 5 di reclusione (furto aggravato e porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere), commessi dal 20 novembre 2015 al 24 marzo di quest’anno a Como.

L’altro , un 26 enne disoccupato, censurato e domiciliato a Varese ma originario della provincia di Caserta, anch’egli in regime di arresti domiciliari, è stato arrestato a seguito di un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti, emesso dal Procuratore della Repubblica di Napoli, poiché il 26 enne deve scontare una pena complessiva di anni 5, mesi 11 di reclusione (traffico internazionale di sostanze stupefacenti).

Entrambi sono stati rinchiusi presso la Casa Circondariale di Varese.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 novembre 2016. Filed under Cronaca,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *