Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Porte aperte a Palazzo Pirelli per la prima edizione di Open House Milano

image_pdfimage_print

pireMILANO, 7 maggio 2016 – Anche Palazzo Pirelli, sede del Consiglio regionale della Lombardia, aderisce oggi fino alle ore 14 e domani, domenica 8, dalle ore 14 alle 18, alla prima edizione di Open House Milano.
L’iniziativa permette di visitare gratuitamente, e con guide specializzate, oltre 70 edifici pubblici e privati di particolare interesse architettonico. Si potranno quindi conoscere edifici normalmente non accessibili, siti architettonici moderni e contemporanei, le nuove installazioni della città in trasformazione, senza trascurare la ricchezza artistica e culturale che caratterizza Milano dall’antichità in poi, oltre a un focus sull’evoluzione dell’architettura sacra.

Nelle giornate di oggi e domani si potrà accedere all’Aula consiliare, una volta Sala che ospitava il “cervellone” dell’azienda Pirelli, e il Belvedere “Jannacci” al 31° piano. Un’occasione per meglio apprezzare il valore architettonico del Grattacielo, opera di Giò Ponti. Il 2016 è, infatti, un anno speciale: a luglio si festeggeranno i 60 anni dalla posa della prima pietra. Quando fu costruito, nel 1960, i suoi 31 piani erano l’emblema della modernità e al tempo stesso certificavano un’Italia e una Lombardia in pieno boom economico, proiettate verso un futuro di ricchezza e modernità.

L’entrata a Palazzo Pirelli è libera. Per conoscere le disponibilità degli altri luoghi consultare il sito www.openhousemilano.org/programma-2016/

Il programma Open House Milano fa parte dal 2015 del circuito Open House Worldwide, evento internazionale che si sviluppa in 4 continenti e 31 città. In Italia è presente già dal 2012 grazie a Open House Roma.

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 7 maggio 2016. Filed under MILANO. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *