Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Pattinaggio su strada: assegnati a Salerno i titoli Tricolori di maratona in tutte le categorie

image_pdfimage_print

coperitna sito maratona salernoSALERNO, 8 maggio 2016- La maratona, un po’ come il Giro d’Italia, è la manifestazione sportiva per eccellenza, perchè da oltre duemila anni sa combinare come pochi altri eventi quei valori ancestrali della natura umana: la competizione agonistica che si fonde con il fascino del territorio e la suggestione dei luoghi, la fatica sportiva allo stato puro che si compenetra con la passione ed il coinvolgimento delle grandi folle.

E nello spettacolare tracciato della Maratona sui pattini di oggi a Salerno, valida per l’assegnazione del Campionato Italiano Senior, Junior e Master di Pattinaggio Corsa questa magica alchimia si è respirata grazie anche all’impegno del Comitato organizzatore in collaborazione con il Consorzio Promo Sport Salerno e al supporto dalla Protezione Civile, delle Forze Armate, delle amministrazioni locali, del Comitato regionale Campania con il Presidente Francesco Rossi e il Responsabile Corsa Saverio Marino e dei numerosi e preziosissimi volontari del pattinaggio ancora una volta i veri protagonisti insieme agli atleti.

Quasi quattrocento partecipanti, con età compresa tra i 15 ed i 75 anni, accorsi da ogni parte d’Italia, migliaia di persone – appassionati, turisti o semplicemente curiosi – assiepate lungo la litoranea che corre da Salerno a Paestum, le istituzioni e le autorità locali schierate come nelle grandi occasioni e le eterne pietre che disegnano lo straordinario sito archeologico a far da proscenio alla spumeggiante scia colorata di pattinatori sfreccianti a velocità da autostrada, hanno fatto di questa manifestazione qualcosa di più di una semplice competizione sportiva il cui ricordo non sbiadirà velocemente, relegato nei confini degli annali federali.

Già dalla primissima mattinata tutto è pronto nel capoluogo campano e alla ore 10.30 in punto dalla centralissima Piazza della Concordia a Salerno si parte a tutta, prima gli atleti Junior e Senior e, di li a pochi minuti, gli altrettanto battaglieri e preparati master. La gara si accende subito e già sul lungomare cittadino va in testa il gruppo dei migliori con il campione mondiale Daniel Niero che accenna una fuga subito rientrata.

Ma la gara si fa lungo la strada litoranea, praticamente un rettilineo pianeggiante dove gli atleti più forti si studiano con efficaci giochi di squadra che in genere fanno la vera selezione. Ma bastano pochi chilometri e Riccardo Bugari e Fabio Francolini rompono gli indugi e prendono la fuga che li porterà, dopo oltre 30 chilometri, in solitaria fino al traguardo.   Lì in molto meno di un’ora, e quindi con oltre 42,4 km orari di media, Bugari lancia lo scatto finale che lo porta vincitore sotto il traguardo posto proprio di fronte al Museo Archeologico in prossimità dei meravigliosi templi di Paestum davanti a Francolini e al vincitore della volata del gruppo degli inseguitori Stefano Mareschi.

Tra le donne, dopo una gara combattuta sempre in gruppo e sovvertendo i pronostici, è la Giulia Lollobrigida a precedere sul traguardo la sorella campionessa mondiale Francesca e, in terza posizione, la Francesca Bettrone.

Presente al traguardo il CT della Nazionale Italiana Massimiliano Presti che commenta con soddisfazione i risultati, apprezzando soprattutto la gara senior maschile dove il duo in fuga ha reso la gara più viva rispetto a quella femminile e alle junior, penalizzate da un andamento di gruppo. Stesso apprezzamento è stato espresso all’arrivo dal sindaco di Paestum Italo Voza che si augura di poter bissare l’evento.

La ripresa registrata dell’evento sarà trasmessa in sintesi nei prossimi giorni sui canali di RaiSport

Guarda tutti i risultati sulle pagine Corsa del sito fihp.org

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 maggio 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *