Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Editoriale: “Che tristezza vedere Maroni occuparsi della pulizia di un torrente”

image_pdfimage_print

VARESE, 11 maggio 2016- di GIANNI BERALDO-

Maroni e Fontana

Maroni con il sindaco Fontana

Ora è ufficiale: la Lega Nord e il centrodestra varesino teme tremendamente di perdere le prossime elezioni amministrative.

E non stiamo parlando di semplici sensazioni ma di dati concreti.  Quelli relativi a un sondaggio commissionato dal Partito Democratico cittadino alla SWG S.p.a (vedi www.sondaggipoliticielettorali.it), agenzia nota per la sua trasparenza e affidabilità

Sondaggio telefonico effettuato su di un campione di 800 cittadini maggiorenni di Varese strutturati per sesso e età, secondo i canoni tipici dei sondaggi prendendo un campione rappresentativo della popolazione.

Il risultato parla chiaro: Davide Galimberti, candidato del centrosinistra risulterebbe più affidabile del suo diretto concorrente Paolo Orrigoni (ovviamente candidato per il centrodestra), staccandolo di diversi punti percentuale in merito a voci come “conoscenza spontanea”, “conoscenza globale” e “credibilità”. Per non dire dei quasi 5 punti di differenza percentuale (39, 5 per cento di Galimberti contro il 35,8 per cento di Orrigoni) sul candidato che voterebbe. Se poi aggiungiamo che alla domanda “Lei ritiene molto, poco o per niente efficace l’operato dell’attuale amministrazione comunale” il 60% per cento degli intervistati ha risposto con un 8 per cento “per niente efficace” e addirittura il 52 per cento “poco efficace”, allo si potrà capire lo stato d’animo attuale di tutto il centrodestra varesino. Soprattutto quello della Lega che rischia seriamente di perdere il loro feudo dopo 25 anni di regno incontrastato.

Galimberti con il simbolo

Davide Galimberti

Un altro segnale di come i rappresentanti del Carroccio temano queste elezioni amministrative, è la costante presenza a Varese del presidente della Regione Roberto Maroni (pure capolista della Lega). Maroni che oramai non perde occasione per “rendere giustizia” dell’attuale amministrazione comunale a guida leghista, puntando sulla sua continuità a livello partitico. Presenza a volte ingombrante e inutile.

Come quella di presenziare alla conferenza stampa in programma venerdì 13 maggio in Comune, dove verranno relazionati i vari interventi di sistemazione idraulica del Torrente Vellone e del Fiume Olona!  Non sapevamo di questa “fondamentale valenza” del fiume Olona, tale da far partecipare addirittura un Presidente di Regione.

Un consiglio a Maroni: invece di occuparsi di fiumi e torrenti minori giusto per accrescere consenso elettorale, veda di spiegare il motivo per il quale, ad esempio, vengono inaugurati dei reparti ospedalieri ( due settimane orsono la Psichiatria dell’Ospedale di Circolo) per poi rimanere ancora inaccessibili. O ancora,  il motivo del fallimento delle aperture serali dei Centri di prenotazioni ospedalieri, spendendo altri milioni di euro nei confronti di strutture sanitarie private, per far fronte alle moltissime richieste di visite mediche da parte dei cittadini.

E vogliamo parlare gli asili aziendali? Gli stessi tanto sbandierati nella sua personale campagna elettorale per le elezioni regionali, ecco che fine hanno fatto?

Paolo Orrigoni

Paolo Orrigoni

Sul piatto potrei mettervi pure il fallimento di Pedemontana, ma non vorrei infierire ulteriormente.

Egregi politici da Prima e Seconda Repubblica, la gente è stanca di queste farse e vuole fatti concreti.

Questa forse è l’occasione giusta perchè finalmente Varese esca dal suo letargo ventennale, dalla sua lenta rovina architettonica, morale, culturale e riemerga dall’oblio nel quale alcuni personaggi l’hanno costretta in tutti questi anni.

E se tra un mese l’esito delle urne dovesse confermare questo sondaggio, allora per Varese inizierebbe una nuova fase: quella della crescita, dell’attenzione allo spreco, dell’aiuto concreto agli emarginati e tutte le persone in difficoltà, quella di essere finalmente una città dal respiro europeo pur mantenendo le proprie tradizioni, quella di non vedere più certi personaggi calcare gli scranni della politica locale (e non solo)  per mero interesse personale.

direttore@varese7press.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 maggio 2016. Filed under POLITICA,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *