Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“La storia dipinta”, mostra di Francesco Biondo all’ex Fornace in Alzaia Naviglio Pavese

Beffa di Stato (piazza di sangue), 2005

Beffa di Stato (piazza di sangue), 2005

MILANO, 24 maggio 2016- L’opera d’arte che rende omaggio alla Storia di Milano attraverso il ricordo di alcune delle figure di maggior spicco, come Alda Merini, Dario Fo, Giovanni Pesce, Primo Moroni.

Inaugura venerdì 3 giugno 2016 dalle 18.00 alle 22.00 negli spazi dell’ex Fornace in Alzaia Naviglio Pavese 16 la mostra “La Storia dipinta. Chi l’ha detto che le date sono solo numeri!” dell’artista siciliano Francesco Biondo, curata da Neva Pedrazzini e realizzata con il patrocinio del Comune di Milano/Zona 6.

Fil rouge dell’arte di Francesco Biondo, nato a Gangi in provincia di Palermo nel 1958, è la “cultura del frammento”,  che esprime la necessità non solo dell’artista, ma soprattutto dell’uomo (insegnante di disegno tecnico all’ITIS Feltrinelli di Milano) di non dimenticare che alcune date storiche sono per tutti noi veri e propri esercizi di memoria.

Ecco perché Francesco Biondo imprime sulle proprie tele, accanto a una serie di nomi, alcune date, sì poco conosciute e a volte dimenticate, ma ugualmente decisive per la storia passata e recente di ogni cittadino. Così facendo  trasforma la poetica informale e creativa dei suoi dipinti in una sorta di “Almanacco” storico per non dimenticare mai, dove la materia pittorica diventa energia e racconto.
Come scrive Neva Pedrazzini “ Le opere selezionate presenti in mostra sono l’omaggio alle storie che non si dimenticano, sono restituzioni di memoria filtrata dallaFrancesco Biondo, I guardiani delle tre porte del paradiso, 2006sensibilità di artista e di persona impegnata quotidianamente”

Francesco Biondo, che nel 1995 ha illustrato la copertina del romanzo dello scrittore croato Vladimir Arsenijevic “Sottocoperta” (Edizioni Comedit 2000, Milano) sullo scoppio della guerra nell’ex Jugoslavia con l’opera “Negazioni Chiarite” del 1991,  a Milano presenta oltre venti opere – quasi tutte a ripercorrere non solo la Storia, ma anche le sue connessioni con la Giustizia – attraverso momenti topici come la sentenza sulla strage nei cieli di Ustica del 15 dicembre 2005 (“Tutti assolti”),  l’assoluzione il 3 maggio 2005 di Maggi, Rognoni e Zorzi a proposito della strage di Piazza Fontana (“Beffa di Stato”), l’incriminazione senza esito il 1 maggio 2003 di George Bush come criminale di guerra (“La guerra è finita/Criminale di guerra”).

Ma l’esposizione milanese è anche l’occasione di ricordare figure umane importantissime per l’Italia,  ma soprattutto per la città di Milano, come la poetessa Alda Merini, il partigiano e uomo politico Giovanni Pesce, il Premio Nobel 1997 per la Letteratura Dario Fo. La serie dei lavori prende il titolo da un verso proprio di Alda Merini: “Io la vita l’ho vissuta tutta”.

L’impatto visivo delle sue opere presenta sollecitazioni e riferimenti diversificati, dall’espressionismo all’arte povera, dal collage all’action painting, ma anche una unitarietà di ricerca: l’impostazione compositiva è esplicitata dall’uso del colore e arricchita dall’utilizzo di frammenti organici e non, oggetti comuni per collage materici carichi di vita propria, corrosi dal tempo e spesso ritrovati sulle spiagge della sua Sicilia, luoghi da sempre deputati alla cultura dell’abbandono.

Durante la settimana di apertura della mostra sono previsti due serate di letture aperte al pubblico, a cura di Roberto Carusi, volte a far conoscere meglio la storia e la poetica sociale nell’opera di Francesco Biondo.

  • Venerdì 3 giugno ore 19.00

“Primi Accadimenti” letture di Livia Rosato e Roberto Carusi

  • Giovedì 9 giugno ore 19.00

“Altri Accadimenti” letture di Patrizia Grioni e Stefano Nosotti

Entrambe le serate sono ad ingresso gratuito sino ad esaurimento posti.

****************

FRANCESCO BIONDO

LA STORIA DIPINTA

Ma chi l’ha detto che le date sono solo numeri!

EX FORNACE – Alzaia Naviglio Pavese 16, Milano

3-10 giugno 2016 | Ingresso libero

 

Orari di apertura: tutti i giorni 10.00/12.00 – 15.00/20.00

 

Informazioni al pubblico: 329-1231064

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 24 maggio 2016. Filed under Arte. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *