Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Automobilismo. Bernardo Pellegrini cerca il riscatto a Imola

13173409_1092339234159961_817868180560496179_oVARESE, 27 maggio 2016- L’obiettivo è dimenticare Monza. Il 1° maggio – a causa di problemi meteo – Bernardo Pellegrini è riuscito solamente ad arrivare settimo in gara-1, risultando non classificato in gara-2. Quindi, per il pilota dell’A.S.D. Living Kart Club, il circuito di Imola (gara-1 alle 9.00, gara-2 alle 18.05) rappresenta una concreta chance di riscatto. “Confidiamo molto su Imola – ha detto Pellegrini – e abbiamo buonissime speranze. Imola mi piace, la conosco, siamo anche arrivati terzi. La macchina è in buone condizioni, quindi ho tutte le carte in regola per essere positivo”. Non è la prima volta che Pellegrini corre a Imola, ma ogni volta è una grande emozione, e non potrebbe essere altrimenti: “È un circuito storico, anche la Formula Uno ha gareggiato qui. Ad ogni curva di Imola vengono in mente tantissimi ricordi e sensazioni davvero importanti. Per qualcuno è una piccola Nürburgring, con saliscendi impegnativi ma comunque piacevoli”. Nel terzo round della stagione, Pellegrini vuole portare a casa un risultato importante: “Possiamo sperare in un podio – dichiara -, anche se la gara non sarà facile, per determinati fattori”. La concorrenza infatti è aumentata: correranno ben 29 macchine e in più per l’occasione saranno impegnati anche i piloti del Campionato Austriaco, come successo anche l’anno scorso a Monza. “Come conseguenza di tutto ciò, ci sarà da lavorare sodo per partire bene in qualifica e poi potersela giocare”. Sempre tenendo bene in testa che Monza deve essere solo un brutto ricordo: “Mi auguro – conclude Pellegrini – che la sfortuna sia ormai alle spalle, perché la prestazione c’era e stavamo andando molto forte. Vogliamo arrivare in fondo”.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 27 maggio 2016. Filed under Sport. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *