Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ruba una bicicletta ma era agli arresti domiciliari: ora torna definitivamente in carcere

image_pdfimage_print

poliGALLARATE, 28 maggio 2016– Trentacinquenne italiano, già agli arresti domiciliari a Somma Lombardo per precedenti reati, tra cui furto e stupefacenti,  autorizzato dal Magistrato di Sorveglianza ad assentarsi esclusivamente tra le 08.00 e le 13.00 per lavorare, si è invece reso responsabile del furto di biciclette alla stazione ferroviaria di Gallarate lo scorso 18 maggio.

Scoperto e subito tallonato dalla Volante della polizia, era stato infine acciuffato mentre pedalava sul Sempione, evidentemente diretto a casa con la refurtiva e denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio. La quale, considerato ed alla luce della flagrante violazione dell’autorizzazione legata alla chance di recupero rappresentata dal lavoro, ha poi proposto ed ottenuto l’aggravamento della misura in corso, sostituita con la carcerazione nel pomeriggio di ieri.

Vicenda analoga, sempre ieri, è accaduta al quarantunenne italiano originario del Benin, arrestato per spaccio dai poliziotti del Commissariato di Gallarate già due volte.

Anch’egli si trovava in custodia cautelare agli arresti domiciliari a Somma Lombardo, nella sua casa; nonostante vari diffide e solleciti, però, si sottraeva di fatto ai controlli con la scusa del cronico malfunzionamento del citofono.

Anche in questo caso il Tribunale di Busto Arsizio ha dunque stabilito, considerata l’inidoneità del domicilio a permettere i doverosi controlli, che attenderà il processo in carcere, sostituendo la misura domiciliare con la detenzione presso la casa circondariale di Busto Arsizio, dove ieri stesso lo hanno condotto gli agenti del Commissariato.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 28 maggio 2016. Filed under Cronaca,PROVINCIA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *