Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ci scrivono: “A Varese bisogna andare a votare per (finalmente) cambiare qualcosa”

image_pdfimage_print

elezioni-comunali-italiaVARESE, 29 maggio 2016- Egregio Direttore,

Spero, anzi penso, che per le attuali consultazioni elettorali ci siano tutte le premesse affinché i Cittadini di Varese capiscano che dipende soltanto da ciascuno di noi se si vuole un vero cambiamento per il bene di tutti. Basta riflettere un po’ sui programmi presentati dai vari candidati per capire che le cose stanno cambiando.  Non si fanno più promesse mirabolanti e irrealizzabili, tranne qualche eccezione, ma progetti rivolti al miglioramento della qualità della vita di tutti i Cittadini.  Stiamo constatando che a Varese si sta conducendo una campagna elettorale molto equilibrata, senza astio tra i contendenti e senza riferimenti inutili alla politica nazionale.  I candidati si stanno comportando bene, fatelo anche voi andando a votare e non dite più: non voto perché tanto non cambia nulla ! Sbagliatissimo ! Pensate che i non votanti, stando alle percentuali, sono il partito della “maggioranza silenziosa”. Quindi utilizzate questa opportunità per “voltare pagina” e dare un’alternanza al governo della Città votando le persone che possono veramente favorire il cambiamento.  Non lasciatevi ingannare dal fatto che una lista comprende persone provenienti da diverse esperienze politiche.  Proprio queste diversità dimostrano una comune volontà di cambiamento.  Stolto non è colui che cambia idea, ma colui che rimane imperterrito attaccato ad uno schieramento “a prescindere”, anche se ne riconosce gli errori. Un ultimo appello agli astensionisti: andate a votare e fate sì che Varese sia la prima città in Italia a ridurre drasticamente il numero delle astensioni.

Martino Pirone

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 29 maggio 2016. Filed under Lettere Al Direttore,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *