Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Luisa Oprandi: ” Belforte non è il Bronx”

Il quartiere Belforte

Il quartiere Belforte

VARESE, 18 settembre 2016- Gentile Direttore,

Varese è città di quartieri, di cittadini che abitano nei rioni e nelle antiche castellanze. Vanta la peculiarità di una storia collettiva che si è costruita nei secoli, mutando volto col passare del tempo, proprio attorno ai tanti centri urbani. Ora resto sgomenta dinanzi al fatto che l’episodio di inaudita violenza accaduto a Belforte i danni di un uomo percosso, legato e dato alle fiamme venga ritenuto, da un organo di stampa locale, utile a rappresentare il quartiere come nuovo Bronx.

Ho insegnato per decenni in un liceo varesino sito nel rione di Belforte e mai mi sono sentita insicura. Né lo sarei ora: le azioni violente di singoli non sono il metro di misura di una realtà territoriale attiva e vivace grazie alle sue scuole, alla parrocchia, alle associazioni di quartiere, alle cooperative.

In tante occasioni abbiamo ripetuto ( e non io sola) che Varese ha tanti centri quanti sono i suoi quartieri: ed è così. Quindi ce la sentiremmo di dire che la nostra città è luogo di degrado umano per colpa di pochi isolati casi di inciviltà? No, perché non è vero e perché non avremmo, giustamente, il coraggio di scagliarci in parallelismi fuori luogo. Varese non è il Bronx e non lo è nemmeno Belforte. Come non avrebbe dovuto esserlo S. Fermo (rione in cui abito) sebbene per decenni si siano sprecati giudizi impropri e immeritati.

Chiunque abbia intenzionalmente acceso la miccia denigratoria verso il quartiere belfortese forse non intuisce il torto che sta arrecando alla dignità di migliaia di cittadini onesti e civili e a chi nel quartiere, attraverso i suoi luoghi di formazione, aggregazione e cultura, compie da sempre azioni costruttive e positive.

Non si rende conto che sta facendo un grosso danno alla scuola, alle tante scuole del rione: azionare la leva dell’insicurezza genera una paura inesistente e non valorizza la bellezza di una quotidianità serena e di qualità. E quindi danneggia proprio i cittadini più giovani, ingiustamente indirizzati a pensare di vivere “chissà dove”.

Non si rende conto che fa del male alla dimensione sociale del territorio, calpestando quanto invece è fatto nel silenzio e nella dignitosa normalità.

Cordialmente

Luisa Oprandi

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 18 settembre 2016. Filed under Cronaca,Lettere Al Direttore,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *