Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Storie di Lago con Betty Colombo di “Varese 2.0”

image_pdfimage_print
Betty Colombo oggi al lago di Varese

Betty Colombo oggi al lago di Varese

VARESE, 2 giugno 2016- Storie di lago e storie di alberi oggi al Parco Zanzi della Schiranna a cura del Movimento civico #Varese 2.0. Le prime le ha narrate Betty Colombo attingendo alla memoria di un paese simbolo del lago di Varese, Cazzago Brabbia. Ricordi dell’ attrice ma anche memorie di donne e di uomini, soprattutto di pescatori. Come la grande pesca alle tinche condotta su due grandi barche di nove metri ciascuna – San Pietro e San Paolo – con reti lunghe fino a centocinquanta metri ad aggirare e avvolgere i banchi di pesce, quasi una “tonnara d’acqua dolce”, un’operazione che coinvolgeva tutta la gente del lago in una sorta di festa operosa che si concludeva con il conferimento del pescato alla Cooperativa dei pescatori di Calcinate del pesce.

Un rito svanito nei primi anni sessanta quando gli scarichi industriali minarono per sempre, forse, la salute del lago. Quasi a lenire la ferita, almeno a terra, nel 1964 venne avviata la piantumazione dei grandi prati a sinistra del lido attrezzando l’area a giochi per bambini e a spazi di svago. A mezzo secolo di distanza il parco è diventato un patrimonio verde della città ricco di essenze pregiate che oggi l’agronomo ha illustrato ai presenti soffermandosi sull’opportunità di estendere il parco fino al nuovo pontile di Capolago per rendere fruibile anche l’area boschiva che sta tra la pista ciclabile e le rive dello specchio d’acqua. Spazi che tra l’altro potrebbero ospitare proposte di Land -Art come accade su molti altri laghi europei magari meno suggestivi del Lago di Varese.

L’ultimo appuntamento di #Varese 2.0 è fissato per domani alle 18.30 a Villa Augusta a Giubiano. “Noi siamo quelli – ha ricordato Daniele Zanzi -che hanno bloccato il parcheggio di Villa Augusta, ora vogliamo dare una mano ai residenti per cambiare il quartiere, stravolto dal traffico e da uno sviluppo edilizio fuori controllo”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 2 giugno 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *