Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

A Varese e Como rinasce il Partito Comunista Italiano

pcdiVARESE, 3 giugno 2016- A conclusione del percorso che s’era dato inizio a Varese nel novembre del 2015 con l’iniziativa per la  nascita della Costituente comunista, la Federazione di Varese e la Federazione di Como daranno luogo all’Assemblea Congressuale che discuterà il Documento Nazionale Costituente del Partito Comunista Italiano.
L’attuale durezza dello scontro di classe nel nostro paese segnato dall’antidemocratico attacco alla Costituzione Repubblicana nata dalla Resistenza, e al mondo del lavoro, a tutti i cittadini, perpetrato dal governo  pidino renzista, porta per  i tutti  i comunisti del nostro paese ad un’assunzione di responsabilità,  e al contempo alla improcrastinabile necessità della Rinascita, costruzione e costituzione, di un Partito Comunista che pur tenendo conto delle trasformazioni avvenute nelle scenario  nazionale e internazionale, in virtù di quanto il vecchio PCI  ha saputo dare per la battaglia per il socialismo in occidente, sappia ricostruire il tessuto  della democrazia  nel società italiana e in Europa e a livello mondiale. Per questo l’invito a tutti  gli iscritti  e simpatizzanti a partecipare  in massa a l’Assemblea Congressuale  di Venerdì 10  Giugno 2016, per rispondere ad una ” grande questione morale”, la ricostruzione nel nostro paese del Partito Comunista  Italiano, dell’unico vero antiveleno contro le derive neoautoritarie del fantoccio Renzi al servizio dei grandi interessi finanziari e industriali nazionali e internazionali.

Auspicando una vostra gradita presenza, un  saluto comunista della Segreteria  del PCd’I  della Provincia di Varese.

Il Segretario Provinciale del PCd’I

Cosimo  Cerardi

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 giugno 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *