Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“Le tue parole per me”, album di Roberto Pellegrini prodotto dal varesino “Huga Flame”

image_pdfimage_print
.

.

MILANO, 3 giugno 2016-Le tue parole per me” é il risultato dell’incontro fra un famoso Designer d’interni (tanto famoso da aver firmato l’Hotel Excelsior di Venezia) e un noto Produttore di Varese. Fuori per l’etichetta “The Sound of Silence” di Milano, il brano porta infatti le firme di Roberto Pellegrini (voce), Livio Perrotta (ingegnere aerospaziale, compositore e produttore discografico) e Maddalena Picconi (autrice e paroliere).

Su un tappeto sonoro tipicamente primaverile (composto da Archi, Chitarra, una leggera batteria e un assolo di Sassofono nel finale curato dal Maestro Enrico Di Stefano) si sviluppa, attraverso un lessico ricercato e ammaliante, il tema della comunicazione.

In un mondo frenetico e in cui i social hanno schiavizzato le anime, la Musica diventa mezzo per aprirsi al mondo dell’Io. Il brano valorizza l’importanza delle parole per esprimersi e raccontarsi. Per riflettersi negli altri e per cercare collegamenti reali ed empatici. Toccarsi con i suoni e attivare mente e corpo, quindi. Un vero inno al dialogo e alle Parole, troppo spesso messe da parte dalle azioni o dai silenzi. Dalla freneticità del mondo e dall’apatia delle persone.

Le tue parole per me” rappresenta energia, voglia di vivere e di imporsi nel mondo come essere che ama e condivide piuttosto che Individuo. E’ un brano terapeutido e slegato da limiti o imposizioni esterne. Totalmente in freedownload, é anche accompagnato da un video girato dal noto Regista Claudio Zagarini ( direttore e collaboratore di video internazionali e nazionali fra cui Pitbull, Timbaland, Eros Ramazzotti, Snoop Dogg, Mengoni, Grignani, e tanti altri).


 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 3 giugno 2016. Filed under Musica. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *