Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Green school: la lotta al cambiamento climatico parte dai banchi di scuola

image_pdfimage_print

progetto greenschool Agenda21laghi-castVARESE, 6 giugno 2016- L’anno scolastico del territorio di Agenda21Laghi si chiude con 14 scuole certificate Green School e 5 scuole premiate per le ottime azioni messe in atto per la riduzione delle emissioni di CO2. Il progetto Green School è nato 7 anni fa da un’idea di Agenda21Laghi in collaborazione con CAST Ong con lo scopo di supportare le scuole nel ridurre la propria impronta ecologica e promuovere e stimolare attività di educazione ambientale. Come ogni anno le scuole si sono dedicate al pedibus, al carpooling, alla raccolta differenziata, hanno nominato guardiani della luce, hanno creato le proprie doggy bag per portare via gli avanzi della mensa, hanno coinvolto genitori e nonni e perfino commercianti nella riduzione dei consumi elettrici, hanno creato regali di natale con materiale riciclato, hanno studiato le fonti di energia rinnovabile e in definitiva hanno formato 1.434 bambini sull’importanza ormai imprescindibile di ridurre emissioni di CO2.

In tutto, sul territorio di Agenda 21Laghi, hanno partecipato 14 scuole, 79 classi, 102 insegnanti e 1.434 alunni che grazie ai loro progetti hanno evitato che venissero immesse in atmosfera circa di 555,93 Kg di CO2 a settimana. A pochi mesi dalla COP21 di Parigi gli organizzatori del progetto, Agenda21Laghi e CAST Ong, si sentono orgogliosi e rassicurati nel vedere che oltre agli impegni presi dai governi, il nostro futuro è anche nelle mani di questi piccoli ecologisti che stanno imparando il valore del singolo gesto quotidiano e dei grandi risultati che questo può portare. Per tutto ciò un plauso speciale va ai docenti che anche quest’anno hanno voluto dedicare tempo ed energie ad educare quelli che saranno i cittadini di domani che avranno la grande responsabilità di gestire un mondo che già ora mostra i segni evidenti del cambiamento climatico.

Per premiare questo impegno il 24 e 25 maggio scorso, rispettivamente alla sala dell’Olmo di Taino e al Teatro Duse di Besozzo, le scuole partecipanti sono state premiate con la certificazione di Green School, libri sulla sostenibilità ambientale, omaggi forniti dal JRC di Ispra e infine 5 premi in denaro del valore di 440€ alle scuole più meritevoli. La novità di questa edizione è stata la collaborazione con il Rotary di Laveno, Luino e Alto Verbano che ha messo a disposizione un premio da 500 euro, assegnato alla secondaria di primo grado G.B.Monteggia di Laveno Mombello per la capacità di diffondere il progetto fuori dalla scuola coinvolgendo famiglie e cittadinanza da un lato e dall’altro cogliendo occasioni come la partecipazione alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti che ha visto la scuola classificarsi al primo posto in Italia e al secondo posto in Europa. Quanto realizzato dalla scuola di Laveno mette in evidenza il fatto che il progetto Green School vuole essere inclusivo di tutte le iniziative di educazione ambientale, una sorta di filo rosso che unisce le tantissime piccole e grandi attività che le scuole sono in grado di realizzare. È con questo spirito infatti che il progetto si sta allargando a livello provinciale grazie ad una collaborazione avviata già da due anni con la provincia di Varese, che ha premiato le 30 scuole partecipanti il 27 maggio a Villa Recalcati. Maggiori dettagli sul progetto si trovano sul blog greeschoolsforum.wordpress.com, dove presto saranno pubblicate informazioni sulla prossima edizione per l’anno scolastico 2016/2017.

Complimenti agli alunni e al loro impegno e grazie perché con i loro piccoli gesti quotidiani hanno fatto moltissimo per il nostro ambiente e in fin dei conti per tutti noi esseri umani.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 6 giugno 2016. Filed under PROVINCIA,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *