Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

“La carne non cresce sugli alberi”, manifestazione contro allevamenti intensivi al Castello Sforzesco di Milano

20161004172437133_640_427_1_0MILANO, 4 ottobre 2016-Questa mattina, nella Giornata Mondiale per gli Animali, attivisti dell’associazione Essere Animali hanno messo in atto un’azione simbolica al Castello Sforzesco di Milano per far riflettere sul consumo di carne e sulle condizioni degli allevamenti intensivi.

La carne non cresce sugli alberi” hanno scritto su un cartello, appendendo sagome di diversi animali ad uno degli alberi storici che circondano il Castello.

“Molte persone ancora oggi non sono a conoscenza dei reali processi produttivi che si nascondono dietro alla carne e altri prodotti animali. La carne non cresce sugli alberi, purtroppo, ma da allevamenti intensivi e macelli, luoghi le persone comuni devono poter vedere il meno possibile” affermano dall’associazione.

Secondo una recente indagine Eurobarometro sul benessere animale condotta dalla Commissione Europea, l’80% degli italiani vorrebbe però avere più informazioni sulle condizioni degli animali negli allevamenti. Essere Animali conduce indagini in allevamenti e macelli, anche in collaborazione con importanti trasmissioni televisive, proprio per mostrare una realtà tenuta spesso nascosta.

“Il nostro Team Investigativo ha documentato molti allevamenti e macelli e le immagini sono terribili: spazi angusti e sovraffollati, animali stressati, malati, agonizzanti o morti in mezzo agli altri. La carne che consumano gli italiani viene da qui”, ribadiscono gli attivisti di Essere Animali.

Questa azione di oggi da parte dell’associazione è un invito a riflettere, non solo sulla reale provenienza di carne e derivati o sulla sofferenza degli animali, ma soprattutto sul fatto che sempre più persone in tutto il mondo stiano cambiando direzione.

La buona notizia è infatti che i prodotti animali non sono assolutamente indispensabili per una dieta sana, come confermano ormai le più rinomate scuole nutrizionali del mondo, tra cui la American Dietetics Association. E gli italiani che hanno fatto una scelta vegetariana o vegana sono ormai l’8% della popolazione.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 ottobre 2016. Filed under MILANO,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *