Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nidi gratis in Lombardia, disponibili ancora domande di iscrizioni

nididiMILANO, 10 giugno 2016 – «A partire dal 1° maggio di quest’anno è operativa “Nidi gratis”, la nuova misura approvata da Regione Lombardia nell’ambito degli interventi inclusi nel Reddito di Autonomia 2016, che prevede l’azzeramento della retta dell’asilo nido per circa 13.500 famiglie. Si tratta di un provvedimento importante, al quale auspico possano aderire il maggior numero di Comuni lombardi». Lo ricorda Antonio Saggese, consigliere regionale del Gruppo consiliare “Maroni Presidente”, a seguito di alcune segnalazioni di cittadini che si sono rivolti ai Comuni di residenza e non hanno potuto usufruire della nuova misura.

 

«“Nidi gratis”, su cui Regione Lombardia ha investito 25 milioni di euro – spiega Saggese –, prevede  l’azzeramento della retta pagata dalla famiglia per i nidi pubblici o per i posti in nidi privati convenzionati con il pubblico, ad integrazione dell’abbattimento già riconosciuto dai Comuni, e riguarda le famiglie con minori da 3 a 36 mesi, con indicatore ISEE di riferimento uguale o inferiore a 20 mila euro e residenza in Lombardia per entrambi i genitori, di cui almeno uno residente da 5 anni continuativi».

«In un momento di crisi come quello attuale – sottolinea il consigliere – ritengo che tale misura possa rappresentare un aiuto molto importante per le tante famiglie di lombardi che faticano ad arrivare alla fine del mese. Per questo spero che la mancata adesione di alcuni Comuni, come Milano e Gorgonzola – fra quelli segnalatimi – sia dovuta esclusivamente al fatto che sono state messe a disposizione tre diverse finestre per l’adesione: la prima entro il 31 maggio, la seconda entro il 30 giugno e la terza entro il 15 settembre».

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 10 giugno 2016. Filed under MILANO,Sociale,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *