Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il Pd ricorda Enrico Berlinguer: “Fare tesoro della sua lezione di umanità e politica”

image_pdfimage_print

enrico-berlinguer1ROMA, 11 giugno 2016– Ricordo di Enrico Berlinguer da Parte del Partito Democratico nazionale, da parte dei vicesegretari del Partito Democratico Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini, e del presidente dell’Assemblea nazionale Matteo Orfini

Fedeltà ai propri ideali e principi morali sono stati i capisaldi dell’azione politica di Enrico Berlinguer. Se la sua figura resta nella coscienza del Paese, sia in chi ha vissuto il suo tempo stimandolo al di là dell’appartenenza politica, sia per tanti giovani che non l’hanno conosciuto, lo si deve a questa sintesi che Berlinguer ha saputo rappresentare.

La sua figura è diventata l’emblema di una politica al servizio del bene comune, capace di appassionare le persone e di renderle partecipi di un progetto per una società più giusta e più equa. Valori declinati fuori dalla retorica.

Berlinguer fu capace di mettere in discussione le certezze anche del proprio mondo, come quando ribadì il valore irrinunciabile dell’idea democratica. Una scelta confermata anche in frangenti drammatici, come durante gli anni di piombo.

Indicò i pericoli che la democrazia correva se non avesse rinnovato se stessa. Anche la denuncia della “questione morale” voleva essere uno sprone a mettere in discussione ciò che c’era di sbagliato per cercare insieme un cambiamento positivo.

Comprese i cambiamenti in atto della società italiana e la necessità di portare sempre più persone nell’alveo della democrazia, non rinunciando mai al dialogo e al confronto con gli avversari politici. Intuì l’importanza che la rivoluzione delle donne avrebbe portato nella società e alla politica.

Si possono fare molte riflessioni su una personalità che ha influito così tanto nella storia della sinistra italiana, ma nel nostro tempo ci sembra utile ricordarlo con le sue parole:

“Io le invettive non le lancio contro nessuno, non mi piace scagliare anatemi, gli anatemi sono espressioni di fanatismo e v’è troppo fanatismo nel mondo”.

Così, a 32 anni dalla morte, lo vogliamo ricordare facendo tesoro della sua lezione umana e politica

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 11 giugno 2016. Filed under POLITICA,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *