Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Esplosione in un palazzo a Milano: tre morti e diversi feriti

Esplosione via Brioschi - Foto Valerio Minotti-2MILANO, 12 giugno 2016- Mattinata tragica, quella di domenica, a Milano, teatro di un’esplosione che si è verificata in un condominio di via Brioschi, al civico 65, causando poi il crollo della parte interna del palazzo, che affaccia su via privata Portoferraio, sei squadre dei vigili del fuoco sul posto
„Un boato che si è sentito per chilometri e chilometri. Tutte le vetrate di una strada distrutte dall’onda d’urto. Tre morti e due bimbe portate in ospedale in condizioni disperate. E vigili del fuoco e soccorritori costretti a scavare tra le macerie alla ricerca di possibili dispersi.“

Nello scoppio sono morte tre persone – un uomo e due donne – e sono rimaste ferite altre nove persone. Le due più gravi, che hanno riportato ustioni serissime, sono due bambine di sette e undici anni – figlie di una delle vittime -, ora ricoverate al Niguarda in prognosi riservata. Serie anche le condizioni di una donna, incinta, e di altri due bambini.

 

L’esplosione, pare causata da una fuga di gas, è avvenuta verso le nove di mattina al terzo piano del palazzo, gettando immediatamente nel panico tutto il quartiere e gran parte della città. Il boato infatti, come riferito da diversi testimoni a MilanoToday, si è sentito fino in zona Porta Romana e centro.

“Sembrava l’esplosione di una bomba, la prima cosa a cui ho pensato è stato un attentato – ha raccontato un testimone -, ma poi ho capito che proveniva da quell’abitazione”. “Non so cosa possa essere successo – ha concluso -, magari una fuga di gas, magari qualcuno aveva in casa una cucina economica”.

da www.milanotoday.it (foto di Valerio Minotti)

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 12 giugno 2016. Filed under Cronaca,MILANO,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *