Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Successo per la serata organizzata da Emergency a Germignaga

image_pdfimage_print

GERMIGNAGA, 13 giugno 2016-  Grande successo per la serata divulgativa organizzata la sera dell’ 11 giugno, presso la ex Colonia Elioterapica di Germignaga dal gruppo Emergency di Varese: con la regista Cristina Bocchialini e il relatore di Emergency Giuseppe Villarusso si è parlato di mine antiuomo. La serata, moderata dal sindaco di Germignaga Marco Fazio, è stata patrocinata dal Cai, dalla Pro Loco di Germignaga,  dall’associazione Solaris, da Terre di Lago, dal Gim  e dal Comune di Germignaga. Nel corso dell’incontro è stato proiettato il documentario “The curse of the sands”  diretto  dai registi Cristina Bocchialini ed Ayman El Gazwy prodotto per Al Jazeera Documentary.  I due registi  hanno sapientemente raccontato  la piaga delle mine antiuomo, posizionate nell’area di El Alamein ai tempi della battaglia, che ancora  oggi mietono vittime. Scambiate spesso per giocattoli dai bambini o come oggetti di uso quotidiano dalle famiglie locali a distanza di più di 70 anni uccidono e feriscono ancora la popolazione. Con l’utilizzo di telecamere a spalla, i registi  hanno raccontato i fatti dal punto di vista delle vittime che tratteggiano con le loro parole e con i corpi colpiti dalle mine la storia di un paese  dove  gli strascichi della follia bellica  producono ancora effetti devastanti. Alla proiezione è seguita la presentazione delle attività di Emergency curata dal relatore Giuseppe Villarusso che ha raccontato l’attività della onlus fondata da Gino Strada e ha risposto alle numerose domande del pubblico. Durante tutta la serata i volontari del gruppo Emergency di Varese hanno curato il banchetto informativo e di vendita gadget all’ingresso della Colonia Elioterapica.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 13 giugno 2016. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *