Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Orrigoni o Galimberti? Oggi l’ora della verità su chi governerà Varese nei prossimi 5 anni

image_pdfimage_print

VARESE, 19 giugno 2016- di GIANNI BERALDO-

Orrigoni con Galimberti

Orrigoni con Galimberti

Il gran giorno è arrivato, oggi (o meglio dopo la mezzanotte) si saprà chi governerà Varese per i prossimi 5 anni.

Una sfida lunghissima tra i due candidati sindaci, Davide Galimberti e Paolo Orrigoni, iniziata qualche mese fa e protrattasi fino all’odierno ballottaggio. Nell’ultima tornata elettorale ad avere la meglio è stato il rappresentante del centrodestra Orrigoni, in vantaggio sull’avversario di circa 6 punti di percentuale, un margine certamente poco rassicurante per gridare vittoria certa al ballottaggio. Bisognerà infatti vedere cosa decideranno gli elettori che in prima battuta avevano scelto di schierarsi con alcuni rappresentanti. Come Stefano Malerba, piazzatosi al terzo posto a livello di voti conquistati con la “sua” Lista Civica, i cui elettori potrebbero essere davvero determinanti se votassero tutti (o anche solo in parte) per l’uno o l’altro candidato. A tal proposito  da sottolineare come Malerba abbia non poco influenzato tali scelte, invitando i suoi elettori a votare per Galimberti al ballottaggio.

Insomma, per saperne di più probabilmente bisognerà attendere lo spoglio delle ultime sezioni cittadine contando voto su voto, con chiusura prevista poco dopo le ore 24 di oggi.

Nel frattempo i dati d’affluenza dicono l’ennesimo disinteresse dei cittadini nei confronti della politica, con un misero 16, 13% di affluenza oggi alle 12 rispetto a due settimane fa dove i dati parlavano del 17,49%, percentuale anche in questo caso bassa ma accettabile.

direttore@varese7press.it

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 19 giugno 2016. Filed under POLITICA,Varese,VARESE,Varie. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *