Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Busto Arsizio: omaggio a Giorgio Gaber con lo spettacolo di Luca Maciacchini

image_pdfimage_print

BUSTO ARSIZIO, 22 giugno 2016- Nell’ambito di “Vieni in centro il giovedì sera”, il format curato da Amministrazione comunale, Distretto del Commercio e Comitato Commercianti Centro Cittadino che tutti giovedì sera d’estate anima il centro, il 23 giugno alle 21.00, nella cornice di piazza Santa Maria, si terrà lo spettacolo “Ciao signor G.”, un omaggio a Giorgio Gaber.

Lo show, di e con Luca Maciacchini, fa parte del cartellone del “Festival del Teatro e della Comicità Città di Luino” diretto da Francesco Pellicini; si tratta di uno spettacolo che farà viaggiare il pubblico attraverso il repertorio artistico di Gaber.

La selezione dei brani verte sui repertori degli spettacoli degli anni ’70, ’80 e ’90, da “Il signor G”, passando per “Dialogo tra un impegnato e un non so”, “Libertà obbligatoria” fino ai più recenti “E pensare che c’era il pensiero” e “Un’idiozia conquistata a fatica: si vuole infatti ricordare il Gaber intrattenitore, che mosse i primi passi in trasmissioni televisive come “Il musichiere”, “Senza rete” dando così rilievo a una forma antesignana del moderno cabaret musicale e recuperare e tenere vivo un messaggio “vitale” per il destino dell’ uomo che non rinuncia a una coscienza critica e, per dirla con Gaber, “anche suo malgrado, vuole vivere”.

Luca Maciacchini, attore diplomato all’Accademia Paolo Grassi di Milano e in chitarra classica al Conservatorio di Novara, da sempre estimatore di Gaber, eseguirà dunque, dividendosi fra teatro, canto, chitarra e sintetizzatore, una selezione di brani recitati e cantati che possano sintetizzare le anime dell’artista.

Questo omaggio al grande cantautore ha riscosso un grande successo in tutta Lombardia nel corso degli ultimi anni.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 22 giugno 2016. Filed under Musica,Spettacoli&Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *