Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Telefonia sociale di Auser, strumento per mettere al centro la persona

SESTO SAN GIOVANNI, 23 giugno 2016- Si è svolto questa mattina a Sesto San Giovanni (MI) il convegno “LA TELEFONIA SOCIALE DI AUSER: UNO STRUMENTO PER METTERE AL CENTRO LA PERSONA, FORNIRE SERVIZI E FAVORIRE L’INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA”, organizzato da Auser Regionale Lombardia.

Il “Filo d’Argento” è ormai diventato un brand di Auser ed è una realtà unica che comprende sia la telefonia sociale che la presa in carico dei bisogni espressi dagli utenti: tutto ruota attorno al numero verde gratuito 800995988 (con riconoscimento automatico della zona di chiamata e conseguente risposta dal punto di ascolto più vicino all’utente), oltre ovviamente ai recapiti delle singole sedi locali. In Lombardia sono attive 460 associazioni locali, che registrano complessivamente circa 80.000 soci di cui quasi 6.000 sono volontari che ogni giorno si prestano per poter erogare servizi quali accompagnamento protetto a visite e terapie, consegna di spesa e farmaci, compagnia telefonica e domiciliare, segretariato sociale e molto altro.

La telefonia sociale è nata nel 2004 come Progetto Aquilone a Legnano, Milano e Monza come sperimentazione – spiega Rosa Romano, componente della presidenza di Auser Regionale Lombardia – che si proponeva di ascoltare, accogliere e prendere in carico basandosi sulla disponibilità dei volontari, ma lo scopo era già allora diventare una sentinella sul territorio, diventando centro di raccolta dati per l’analisi e ponte per gli utenti per accedere ai servizi integrati. Nel primo anno si ottennero 3549 contatti, l’anno successivo si fu in grado anche di stilare un profilo dell’utenza che sostanzialmente non è cambiato negli anni: prevalentemente donne, oltre i 75 anni e, dato importante, per i tre quarti non in carico alle istituzioni: ecco i cosiddetti bisogni inespressi. Negli anni il sistema di telefonia e presa in carico è stato rinominato Filo d’Argento, si è esteso a tutta la regione con una crescita media annua di 2770 utenti e ora è una realtà concreta, complessa ed efficientissima”.

Le novità introdotte sono la geolocalizzazione (permette di organizzare i trasporti in maniera strategica e, dunque, più ecologica), la telefonia attiva per la compagnia telefonica e la videotelefonia, oltre ai monitoraggi su richiesta a scopo preventivo (per vaccinazioni, emergenza caldo, somministrazione di medicinali). “La videotelefonia – aggiunge Romano – ha un aspetto non secondario, cioè spinge l’anziano solo a non trascurarsi: per apparire in video vorrà lavarsi, vestirsi e pettinarsi bene, non passerà la giornata in pigiama. La telefonia è diventata anche cabina di regia per coordinare reti d’aiuto, supporto allo sportello welfare, notevole mezzo per la raccolta di dati sul territorio”.

 

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 23 giugno 2016. Filed under Sociale. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *