Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nasce “Lombardia Popolare” sotto l’egida di Raffaele Cattaneo

Cattaneo oggi a Bruxelles

Raffaele Cattaneo

MILANO, 4 luglio 2016–Buon lavoro a Lombardia Popolare, la cui nascita segna un nuovo inizio e insieme una prosecuzione al lavoro e all’impegno dei liberalpopolari nella società come nella politica” lo ha dichiarato il Presidente del Consiglio regionale ed esponente di Ncd-Area popolare, Raffaele Cattaneo, oggi impegnato a Bruxelles per presiedere la seduta della Commissione Coter al Comitato delle Regioni. “Siamo una forza politica responsabile e moderata, alternativa alla sinistra – ha proseguito –. C’è uno spazio politico molto ampio, nel nostro Paese come in Lombardia, per chi non si riconosce nelle urla dell’antipolitica imperante, nei comitati del no e nelle vetuste e superate visioni di chi antepone lo Stato alla società e alle persone. In Regione Lombardia per il centrodestra serve un rilancio dell’azione amministrativa e di governo: a 18 mesi dalle elezioni regionali occorre accelerare nel processo di rinnovamento con l’obiettivo di presentare un programma di governo convincente e pronto alle nuove sfide. Il modello Milano ha dimostrato di saper funzionare bene e portare risposte a chi non si riconosce né nella sinistra, né nei movimenti di protesta e nessuna proposta. Anche in Europa questo modello, che affonda le proprie radici nel solco della tradizione del Partito popolare europeo, risulta essere maggioritaria e vincente. Lombardia Popolare deve restituire voce a quest’area che oggi vuole avere spazio e vuole partecipare attivamente. Un’offerta politica che quest’area non trova e che Lombardia popolare vuole e sa rappresentare” ha concluso Cattaneo.

image_pdfimage_print
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 4 luglio 2016. Filed under POLITICA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *