Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Ultimi sforzi per i maturandi varesini prima delle vacanze: “Un pò di ansia è normale ma poi tutto passa”

image_pdfimage_print

VARESE, 8 luglio 2016- di SARA CARIGLIA-

Un momento della prova orale di oggi

Un momento della prova orale 

Come si dice il primo dente è stato tolto. Ora manca il secondo (dente) per il plotone di studenti dell’ultimo anno delle superiori, i quali letteralmente lanciati nei ripassi dell’ultima ora – obbligati, per quanto non ne abbiano voglia, a prendere il coraggio a due mani – dovranno affrontare l’ultimo grande scoglio della loro corsa scolastica, l’esame orale di maturità.

Scoglio che per alcuni di loro è già stato superato. Anche brillantemente. Come Luca, 19 anni di Varese, studente della scuola a carattere tecnico e professionale I.T.I.S Newton di via Zucchi, che si è avvalso del proverbio <<via il dente via il dolore. Non sto più nella pelle, sono strafelice di aver ultimato questo percorso. Ora mi godo le vacanze e poi si vedrà il da farsi. In questo momento non voglio pensare a nulla>>.

Serena Brucai

Serena Brucai

A beneficiare di quella sana euforia che pervade subito dopo aver affrontato con successo una delle prove più “maturate” della vita, è pure la diciottenne Serene Brucai di Venegono, la quale si dice entusiasta di aver appena completato il suo ciclo di studi presso l’istituto tecnico ENAUDI di Varese (indirizzo socio-sanitario). Serene ha fretta di iscriversi al primo anno di Scienze Infermieristiche a Milano <<finalmente potrò lasciarmi alle spalle quel bel po’ di ansia mista a nervosismo che sono stata costretta ad assorbire nell’ultimo periodo>>.

Insomma nonostante gli ovvi cambi generazionali le incertezze e le aspettative dei maturandi rimangono sempre le stesse. Tra riti scaramantici e vecchi vezzi propiziatori  oggi ultimi ripassi, ultime letture tra bignami, libri di testo, appunti e scartoffie, e poi il via alle tanto agogniate vacanze estive.

Sabato prossimo sarà il grande giorno anche per Daniele Aitis, 19 anni di Varese iscritto al Liceo musicale Alessandro Manzoni. L’esame di Stato è alle porte anche per lui <<devo fare l’orale e sono un po’ in ansia; compiuto questo passo, il passo successivo sarà volto alle vacanze estive, solo poi

Giulia Gavioli

Giulia Gavioli

apriremo il capitolo università. A riguardo sono ancora tentennante: non credo mi iscriverò al Conservatorio. Sono convinto invece che la mia strada sia la filosofia anche perché il nostro liceo ci ha equipaggiati di una preparazione umanistica molto ampia soprattutto per quanto riguarda la parte estetica>>. Aitis, infatti, è uno tra i maturandi che a dispetto della maggior parte dei suoi compagni di classe, ha scelto di dire no al conservatorio perché nasce come cantautore e non come musicista. L’amico e compagno di classe Emanuele Lotti ha confidato, infatti, che Daniele e la sua chitarra non sono molto amanti del genere classico quanto invece del genere pop che purtroppo nella sua sezione non è mai stato studiato a fondo come altre realtà musicali.

Francesco Corbella

Francesco Corbella

<< La musicoterapia, la musicologia, la psicologia sella musica sono alcune delle realta a cui nostri ragazzi potrebbero accostarsi una volta acquisitomil diploma. La nostra scuola non forma solo esecutori e concertisti ma forgia anche cultori preparati ad aprirsi a altre realtà musicali>>, puntualizza il professor Paolo Tron, commissario interno di maturità nonché perno del giovane Liceo Musicale varesino.

Tra torpore, commozione e agitazione in direzione della prova orale c’è anche Giulia Gavioli, 19 anni di Varese immatricolata al Liceo Linguistico Manzoni, pronta a spiccare il volo verso altri orizzonti <<sono un sacco emozionata ma non vedo l’ora di iscrivermi alla Facoltà di Medicina Veterinaria. E’ una settimane che studio ininterrottamente dalle nove alle undici di sera. Speriamo che la prova

Paolo Tron

Paolo Tron

orale vada bene come quella scritta. A regola io e i miei compagni siamo tutti molto soddisfatti di come l’esame di maturità sia stato gestito sia dalla commissione interna che da quella esterna>>.

Countdown alla rovescia anche per il ventunenne Francesco Cobella iscritto all’istituto professionale I.P.S.I.A (ISIS Netwon, indirizzo sistemi energetici). Per lui questa sarà l’ultima ora da studente <<sono un po’ agitato anche se sono convinto che le vere difficoltà le incontrerò nel mondo del lavoro: l’università non fa per me, la lascio fare a chi ha la testa per studiare. Se non altro questo percorso didattico mi ha insegnato a essere coerente con me stesso e ad assumermi le mie responsabilità quando necessario. La prima in assoluto aver portato a termine gli studi>>.

Alla Netwon di Varese a coordinare la commissione professionale (costituita da sei commissari, tre interni e tre esterni) la presidente

Carlo Ercolino e Anna Bressanone

Carlo Ercolino e Anna Bressanone

Anna Bressan, vice preside all’ISIS Facchinetti di Castellanza <<Oggi è l’ultimo giorno degli orali: i ragazzi stanno finendo il colloquio. Tutto si è svolto nel modo più regolare possibile. A mio avviso, essendo questo un istituto professionale, la domanda più consona da fare agli studenti? Parlami dell’esperienza di alternanza scuola lavoro>>.

Emanuele Lotti e Daniele Aitis

Emanuele Lotti e Daniele Aitis

Domanda più che legittima se si considera che la maggior parte degli studenti iscritti all’I.P.S.I.A (indirizzo elettronico) opteranno – a differenza di coloro iscritti al settore chimico – per il mondo del lavoro.

All’I.P.S.I.A, tra i professori diventati oltre che mito per i propri studenti pure commissario d’esame Carlo Ercolino, insegnante di Elettronica <<i concetti base ci sono. La cosa buona è che la maggior parte dei nostri ragazzi una volta terminata la scuola ha già un lavoro tra le mani. Questo grazie e soprattutto agli stage svolti durante l’anno scolastico>>.

Che poi il mondo del lavoro offra loro delle possibilità reali e concrete, questa è un’altra storia.

redazione@varese7press.it

 

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 8 luglio 2016. Filed under Varese,VARESE. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *