Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Centri per l’Impiego in provincia di Varese: “Il loro futuro lo decideremo insieme ai sindaci”

image_pdfimage_print

VARESE, 17 maggio 2016– Il Presidente della Provincia di Varese Gunnar Vincenzi e i capigruppo di maggioranza Magrini e Bertocchi intervengono sulla questione dei Centri per l’Impiego: «Le preoccupazioni di Sindaci e Amministratori riguardanti il futuro dei Centri per l’impiego e apparse in questi giorni sui quotidiani sono certamente condivisibili, ma premature. Stiamo, infatti, affrontando la questione valutando tutta una serie di ipotesi sulla riorganizzazione del servizio e con l’obiettivo di evitare, se possibile, la riduzione del numero delle sedi presenti sul territorio provinciale. Alla base di ogni nostra ragionamento non vi è alcuna motivazione politica, poiché tutti noi ben conosciamo il valore e l’importanza del lavoro svolto dai Centri per l’impiego, soprattutto in questo periodo delicato sotto il profilo occupazionale. Siamo però anche costretti, viste le note difficoltà dell’Ente Provincia e la riforma in atto, a non perdere di vista la contingenza economica e la mancanza del personale necessario a garantire il servizio. Questa è la situazione. Davanti alle preoccupazioni espresse dai sindaci ci chiediamo però chi abbia a loro illustrato uno scenario differente, dal momento che per ora, in tutte le riunioni di maggioranza, durante le quali è stata affrontata la questione, non è stata presa o ipotizzata alcuna decisione di chiusura o riduzione del numero delle sedi. Vogliamo infine dire a Sindaci che, come per altro avvenuto anche su altre questioni strategiche e importanti, anche su questo tema sarà nostra premura coinvolgerli al fine di giungere a una soluzione il più condivisa possibile».

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Posted by on 17 maggio 2016. Filed under PROVINCIA. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *